Questo sito contribuisce alla audience di
Cronaca | News

Cilas per Superbonus, possibile proroga in arrivo

25 Novembre 2022 | Autore:
Cilas per Superbonus, possibile proroga in arrivo

Oggi, scade il termine per presentare la Cilas, che garantirà ai condomini il Superbonus 110% per il 2023, ma è possibile che venga fissata una nuova scadenza.

Oggi, è il grande giorno della scadenza per la presentazione della Cilas, la Comunicazione di inizio lavori asseverata, necessaria per poter godere dell’aliquota dell’agevolazione del Superbonus 110%. In caso di mancata presentazione entro il 25 novembre 2022, il bonus potrà essere goduto nella misura del 90% per il 2023.

Ma la giornata di oggi ha rappresentato una discriminante non indifferente per il godimento del bonus, tanto che tra la maggioranza si sta discutendo della possibilità di prorogare il termine per la presentazione della necessaria documentazione. Senza contare che sono molti i condomini che non hanno potuto rispettare la scadenza del 25 novembre perché ancora in attesa di ricevere il via libera ad alcuni permessi burocratici necessari a presentare la Cilas.

Forza Italia ha proposto di spostare la scadenza al 31 dicembre 2022, considerando che il termine attuale è impossibile da rispettare per tutti i potenziali beneficiari e rischia di generare contenziosi sia tra committente e professionisti che tra privati e Pubblica Amministrazione.

A sostenere la tesi del caos generato dall’imminente scadenza è il fatto che proprio nelle scorse ore, in alcune parti d’Italia, si è verificato un tilt – ad esempio in Campania – che ha spinto ad accettare la presentazione delle pratiche per accedere al Superbonus anche via pec, oltreché solo sul sito dedicato, essendo rimasto bloccato nella giornata di ieri dopo essere stato sommerso di richieste durante un termine brevissimo.

Ma a cosa serve presentare la Cilas? Secondo le ultime norme stabilite dal Governo Meloni con Decreto Aiuti Quater, la presentazione della Cilas entro il 25 novembre 2022 garantisce ai condomini il diritto a poter beneficiare dell’agevolazione al 110% per tutti i lavori svolti entro il 31 dicembre 2023, a patto che l’assemblea li abbia deliberati per tempo. Dal 2024, l’aliquota verrà abbassata al 70% e dal 2025 al 65%.



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube