Diritto e Fisco | Articoli

Vietato spiare i dipendenti che non lavorano

8 Febbraio 2012
Vietato spiare i dipendenti che non lavorano

Illegittimo spiare il lavoratore tramite pedinamenti per verificare se adempie correttamente alle proprie mansioni.

Sempre più difficile licenziare un lavoratore improduttivo: la Cassazione, infatti, ha appena stabilito [1] che il datore di lavoro non può utilizzare, come prova per licenziare il dipendente scansafatiche, i pedinamenti eseguiti da un investigatore privato.

Il caso. Un lavoratore era stato delegato a raggiungere la clientela con visite fuori dall’azienda. Tuttavia era risultato che lo stesso, durante i suoi giri, “se la prendesse comoda”. Così il datore di lavoro lo ha fatto pedinare e, in base a quanto emerso, lo ha licenziato.

I giudici hanno però annullato il licenziamento, specificando che il controllo occulto da parte del datore di lavoro (tramite pedinamenti) è legittimo solo per verificare eventuali illeciti del dipendente contro il patrimonio dell’azienda (per esempio, qualora il lavoratore si macchi di furto).

Quando invece il dipendente venga controllato di nascosto solo per verificare il corretto adempimento del contratto di lavoro (per esempio, l’efficienza del suo operato), i risultati non possono essere usati per motivare il licenziamento disciplinare.

 

 



note

[1] Cass. sent. 1423/12.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube