Diritto e Fisco | Articoli

Come conoscere tutte le tasse in Italia (e negli altri Stati UE)

4 Gennaio 2015
Come conoscere tutte le tasse in Italia (e negli altri Stati UE)

Trasparenza fiscale: le tasse statali e locali nei 28 Paesi dell’Unione Europea, con le relative schede tecniche e applicative.

Esiste un sistema, conosciuto ancora da pochi, che consente di ottenere l’elenco e i criteri di funzionamento di tutte le tasse attualmente vigenti in Italia e nel resto dell’Europa. Si tratta di una banca dati ufficiali, tenuta dalla Commissione Europea e accessibile ai privati cittadini, tramite la pagina web della TG Taxation and Customs Union della Commissione stessa.

Come funziona

Tutto ciò che bisogna fare è collegarsi con il seguente indirizzo web della Commissione “clicca qui” e selezionare lo Stato al quale si è interessati: il menu è quello nella parte bassa dello schermo. Sarà sufficiente inserire la “spunta” (con un clic del mouse) sulla nazione e poi cliccare su “search”.

A questo punto, il sistema consegnerà i risultati, con, al termine della pagina, una somma di quante sono le tasse complessivamente vigenti in quel determinato Paese e i relativi nomi (in lingua inglese).

Inoltre è possibile scaricare una scheda – anch’essa in inglese – che spiega tutti i meccanismi di funzionamento di ciascuna tassa. Una vera e propria “Wiki” del diritto tributario.

Per esempio, partiamo proprio dall’Italia. Al termine della pagina ottenuta dopo la ricerca, nel lato di destra, si trova la scritta “Risultati da 1 a 69 di 69”. Ciò indica che in Italia esistono attualmente 69 tasse.

Cominciamo dalla prima: VAT (Value Added Tax), quella che noi chiamiamo IVA. Scorrendo nella pagina è possibile, tra le altre cose, comprendere se l’imposta è riscossa dallo Stato centrale (Central authority) o dalle autorità territoriali (Regioni, Comuni, ecc.), quali sono le aliquote e il funzionamento.

Ed ancora, è possibile trovare nomi noti come la Tasi, Tari, IUC, IMU (“Tax on real estate”), la tassa automobilista (il bollo auto o, per dirla in inglese, la “Motor vehicles tax – Regional motor-vehicle taxes”), l’imposta di registro (“Registration tax”), la tassa sulla pubblicità, l’IRAP, ecc.

Potrete fare l’esperimento anche con gli altri Paesi e subito vi salterà all’evidenza un dato tutt’altro che inaspettato: l’Italia è al secondo posto come numero di tasse, con un totale di 69. Al primo posto c’è la Danimarca (81) e all’ultimo l’Estonia (13). Ed ancora: il Regno Unito conta 50 imposta, la Germania 44, la Francia 43, la Spagna 29, il Portogallo 19, la Slovenia 23, la Lettonia 25, la Croazia la Bulgaria e l’Olanda 26.

Se il numero di imposte non dice un granché in merito alla pressione fiscale presente in un Paese (determinata, piuttosto, dalle aliquote e dalla base imponibile), rivela però il grado di complessità degli adempimenti fiscali. E non è una novità neanche il fatto che, nel nostro Paese, i contribuenti (e i rispettivi professionisti) debbano fare i conti con complicazioni di tutti i tipi: con un calendario a scacchiera, dove non esiste un tax-day vero e proprio, ma la chiamata al pagamento avviene in modo frazionato, rateizzato, differente tra regione e regione e, in alcuni casi, del tutto incerto (ricordiamo l’ultima esperienza della Tasi e della pubblicazione delle relative aliquote, caduta peraltro proprio in periodo elettorale).


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube