Tech | News

Facebook compra Wit.ai e apre alla compilazione dei messaggi vocali

7 Gennaio 2015 | Autore:
Facebook compra Wit.ai e apre alla compilazione dei messaggi vocali

Grazie a questa nuova acquisizione in futuro forse potremmo pubblicare i messaggi sul social network semplicemente dettandoli, evitando così inutili distrazioni

Facebook negli ultimi tempi ha speso diversi miliardi per acquisire nuove società come WhatsApp, Oculus Rift e altre ancora. L’ultima in ordine di tempo è Wit.ai, una sturtup fondata 18 mesi fa a Palo Alto in California per lo sviluppo di Api capaci di integrare interfacce vocali all’interno delle app. Attualmente ci sono oltre 6000 sviluppatori iscritti al progetto e che hanno già realizzato centinaia di applicazioni.

facebook compra wit.ai

Si tratta di una piattaforma aperta e libera e a quanto sembra Facebook non è intenzionata a modificare questa policy. Il social network, quindi, potrebbe avere due obiettivi differenti. Da un lato ha la possibilità di monetizzare questa nuova acquisizione con la pubblicità che eventualmente verrebbe introdotta nelle applicazioni. Dall’altro, invece, potrebbe essere interessata a introdurre il riconoscimento vocale all’interno dei suoi servizi.

Così, dopo Siri, sviluppato da Apple, e Cortana, l’analogo di Microsoft, anche Facebook potrebbe avere presto un suo assistente vocale. Il social network ha tutte le risorse per aiutare Wit.ai a sviluppare una piattaforma ancora più funzionale ed efficiente. Immaginiamo la possibilità di usare la voce per postare un commento o inviare un messaggio sul Messenger. Si tratta di scenari che avranno ancora più senso nel prossimo futuro.

Nei prossimi mesi si prevede un boom di vendite per i dispositivi indossabili come gli smartwatch, ma il loro piccolo schermo poco si presta alla scrittura manuale. Diventa quindi obbligatorio sviluppare un sistema di immissione vocale e questo Facebook lo sa bene.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube