Questo sito contribuisce alla audience di
Diritto e Fisco | Articoli

Con cedolare secca posso chiedere aggiornamento del canone?

1 Gennaio 2023
Con cedolare secca posso chiedere aggiornamento del canone?

Conduco in affitto un immobile ad uso abitativo. Il proprietario ha optato per il regime della cedolare secca. Mi ha chiesto l’aggiornamento del canone. Può farlo?

Occorre dire innanzitutto che la legge (articolo 3, comma 11, del decreto legislativo n. 23 del 7 marzo 2011) stabilisce che nel caso in cui il locatore opti per l’applicazione della cedolare secca, è sospesa la facoltà di chiedere l’aggiornamento del canone, anche se prevista nel contratto a qualsiasi titolo, inclusa la variazione Istat dell’indice nazionale dei prezzi al consumo verificatasi nell’anno precedente.

La norma citata aggiunge che:

  • la sospensione della facoltà di chiedere l’aggiornamento del canone dura per tutta la durata dell’opzione in favore della cedolare secca;
  • l’opzione per la cedolare secca non ha effetto se il locatore non la comunica al conduttore inviandogli lettera raccomandata con cui rinuncia ad esercitare la facoltà di chiedere l’aggiornamento del canone a qualsiasi titolo.

Quindi, se il suo locatore le comunicò con raccomandata di aver scelto l’opzione per la cedolare secca con l’indicazione della rinuncia all’aggiornamento del canone (anche se l’aggiornamento era previsto nel contratto), oggi non può chiederle l’aggiornamento Istat del canone e non potrà farlo finché non avrà revocato il regime della cedolare secca.

Tenga presente che l’opzione per la cedolare secca non può essere ottenuta dai locatori se essi non rinunciano all’aggiornamento del canone a qualsiasi titolo; pertanto:

  • o il suo locatore ha chiesto ed ottenuto l’applicazione della cedolare secca (e per ottenerla egli deve averle inviato la comunicazione di opzione per la cedolare secca contenente la rinuncia all’aggiornamento del canone);
  • oppure il suo locatore non ha ottenuto la possibilità di applicare il regime della cedolare secca perché non le ha comunicato, nella stessa raccomandata in cui doveva informarla dell’opzione per la cedolare secca, la rinuncia all’aggiornamento del canone.

Se il locatore ha correttamente richiesto l’opzione della cedolare secca (con espressa rinuncia all’aggiornamento del canone) allora egli potrà tornare a chiederle l’aggiornamento del canone solo quando avrà revocato la sua opzione per la cedolare secca (e sarà opportuno che il locatore le comunichi la revoca dell’opzione per le cedolare secca se e quando essa ci sarà).

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Angelo Forte



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube