Diritto e Fisco | Articoli

Responsabilità del venditore per difetti della merce

10 gennaio 2015


Responsabilità del venditore per difetti della merce

> Diritto e Fisco Pubblicato il 10 gennaio 2015



Garanzia per vizi della cosa venduta e risarcimento del danno: il rivenditore è tenuto a controlli periodici o su campione della merce.

Nel caso in cui la cosa venduta presenti dei vizi tali da determinare un danno per l’acquirente, il rivenditore è responsabile [1] nei confronti di quest’ultimo del danno a lui cagionato dal prodotto difettoso. Si salva solo se fornisce la prova di aver attuato un idoneo comportamento volto a verificare lo stato e qualità della merce e l’assenza di vizi, anche alla stregua della destinazione della stessa. Infatti, come ha evidenziato la Cassazione in una recente sentenza [2], i doveri professionali del rivenditore impongono, secondo l’uso della normale diligenza, controlli periodici o su campione, al fine di evitare che notevoli quantitativi di merce presentino gravi vizi di composizione.

In ogni caso i doveri professionali del rivenditore non possono includere l’effettuazione di indagini e riscontri assidui su ogni singolo prodotto, in modo da scoprire anomalie di ogni singola confezione.

Tali regole trovano applicazione anche nel campo della grande distribuzione e anche della rivendita di prodotti industriali di massa [3].

note

[1] Ai sensi dell’articolo 1494 cod. civ.

[2] Cass. sent. n. 15824 del 10.07.2014.

[3] Cass. sent. n. 6007/2008.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI