Questo sito contribuisce alla audience di
Cronaca | News

Bonus immobili 2023: tutto ciò che c’è da sapere

5 Gennaio 2023 | Autore:
Bonus immobili 2023: tutto ciò che c’è da sapere

Per il 2023 sono state modificate le condizioni di accesso a determinate agevolazioni, come il Superbonus 110% o il Sismabonus. Ecco cosa cambia.

I bonus relativi agli immobili come abbiamo imparato a conoscerli in questi anni stanno ufficialmente per cambiare. In parte per le modifiche introdotte dalla Manovra di Bilancio (e, prima ancora, dal Decreto Aiuti), in parte perché stanno per volgere al loro naturale termine. In ogni caso, il 2023 si conferma un anno ricco di bonus e agevolazioni per chiunque voglia ammodernizzare la propria casa rendendola più green ed ecologica.

Superbonus 110%-90%

Per il Superbonus si può stare tranquilli: la misura avrà vita ancora per tre anni, fino a dicembre 2025. Dal 1° gennaio 2023, l’aliquota viene complessivamente ridotta passando dal 110% al 90%, ma a questa regola generale ci sono alcune eccezioni.

Innanzitutto, per le villette unifamiliari il decreto Aiuti Quater ha disposto che il superbonus 110% sarà ancora fruibile per le spese sostenute entro il 31 marzo 2023, se è stato attestato il raggiungimento del 30% dei lavori al 30 settembre 2022.

Potranno godere di questa deroga le villette a patto che:

  • si intervenga sull’abitazione principale;
  • chi richiede l’intervento sia proprietario o titolare di un diritto reale;
  • chi lo richiede abbia un reddito non superiore a 15mila euro sulla base del nuovo quoziente familiare.

Altra eccezione alla riduzione dell’aliquota per il prossimo anno è rappresentata dai condomìni; per loro il Governo ha previsto la possibilità di godere del Superbonus 110% a patto che:

  • abbiano approvato con delibera condominiale entro il 18 novembre i lavori, con Cilas presentata entro il 31 dicembre 2022;
  • abbiano approvato con delibera condominiale tra il 19 e il 24 novembre i lavori, con Cilas presentata entro il 25 novembre 2022.

Gli edifici diversi dai condomìni avranno diritto al 110% solo se hanno presentato la Cilas entro il 25 novembre 2022.

Bonus facciate

Il Bonus facciate si è ufficialmente concluso il 31 dicembre 2022, dopo tre anni di onorato servizio. Per due anni (2020-2021) il bonus concedeva la vantaggiosa quota del 90%, mentre nel 2022 era scesa al 60% in vista della sua fine. Per questa agevolazione non è stato trovato spazio nella Manovra di bilancio, probabilmente anche a causa delle numerose truffe che sono scaturite nella prima fase del suo avvio a causa dell’assenza dell’obbligo di asseverazione.

Bonus case green

Dal 1° gennaio 2023, è nata una nuova agevolazione: il bonus case green. Grazie a questa misura è possibile godere di una detrazione del 10% dell’Iva pagata sull’acquisto di abitazioni in classe A e B solamente se cedute direttamente dalle imprese di costruzioni, e potrà essere recuperata in dieci anni.

Sismabonus

Il Sismabonus viene confermato, garantito a chi acquista un immobile frutto di una demolizione con costruzione. Per questo bonus l’agevolazione al 110% è garantita per i rogiti sottoscritti fino alla fine del 2022 che:

  • abbiano sottoscritto un preliminare entro il 30 giugno 2022;
  • abbiano versato acconti tramite sconto in fattura.

Per il 2023 il Sismabonus sarà concesso con la detrazione tra il 75 e l’85%.

Bonus barriere architettoniche

Confermato fino al 2025 il bonus barriere architettoniche al 75%, con l’introduzione di un’importante novità: basterà la maggioranza semplificata alle assemblee condominiali per deliberare i lavori di rimozione delle barriere.

Ecobonus

Sarà possibile godere dell’ecobonus con detrazioni al 65% per chi decide di installare pannelli solari per l’acqua calda o per le caldaie a pompa di calore in sostituzione di vecchi impianti. Potrà godere della stessa agevolazione anche chi sostituisce caldaie a gas con quelle a condensazione, purché vengano installate anche le valvole intelligenti sui termosifoni. Infine, l’ecobonus spetta anche a chi installa sistemi di domotica in tutta la casa rendendola più efficiente.

Bonus mobili

Solamente per il 2023, il bonus mobili, previsto per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici, continuerà a garantire uno sconto del 50% per un massimo di 8mila euro, per poi tornare a 5mila nel 2024.

Bonus pannelli solari, batterie e colonnine

La detrazione del 50% delle spese effettuate spetta anche per gli impianti fotovoltaici installati fuori dal Superbonus, oppure per chi ha acquistato pannelli da installare sul balcone, batterie di accumulo. Per chi installa colonnine di ricarica, inoltre, è stato confermato fino alla fine del 2023 il credito d’imposta dell’80%.



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube