| News

Il Governo regala un milione di euro ad Auschwitz

11 gennaio 2015


Il Governo regala un milione di euro ad Auschwitz

> Diritto e Fisco Pubblicato il 11 gennaio 2015



Un milione una tantum nel 2015 alla Fondazione Auschwitz-Birkenau.

 

Tra i tanti fondi, spese, sostegni, sussidi e aiuti “nascosti” dentro l’ultima legge di Stabilità si nasconde un regalo di fine anno da un milione di euro in favore della Fondazione Auschwitz-Birkenau. E certo, in un periodo in cui lo Stato stenta a recuperare coperture finanziarie per le misure urgenti a sostegno degli italiani, la norma potrà sembrare alquanto discutibile.

In particolare la legge finanziaria di fine anno (oggi ribattezzata “Legge di Stabilità”) autorizza, per l’anno 2015, la spesa di 1 milione di euro quale contributo dell’Italia alla Fondazione Auschwitz-Birkenau per la costituzione del fondo perpetuo finalizzato al mantenimento della struttura dell’ex campo di sterminio. Il Ministro dell’economia e delle finanze, con propri decreti, è autorizzato a determinare le modalità di erogazione del contributo e ad apportare le occorrenti variazioni di bilancio.

C’è da dire, comunque, che gli altri Paesi occidentali avevano già da tempo contribuito con un sostegno economico per preservare la “memoria storica” dell’olocausto. In particolare la Germania aveva contribuito con 60 milioni, gli Stati Uniti con 15 milioni di dollari, superati dalla Polonia con 15 milioni di euro, 5 milioni di euro dalla Francia, 2 milioni di sterline dal Regno Unito. Dei 31 Paesi europei mancavano all’appello solo Spagna e Italia.

note

[1] Legge 23.12.2014 n° 190 , G.U. 29.12.2014

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Madonna!!!! E cosa ne fanno di TALI SOMME! Ne hanno avute tante…!!! Noi pur condividendo la causa abbiamo tante cose, per ragioni diverse, da tutelare, pensiamo a Pompei…

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI