HOME Articoli

News Nuovo divieto di fumare in auto

News Pubblicato il 13 gennaio 2015

Articolo di




> News Pubblicato il 13 gennaio 2015

Sigarette: il decreto legge solo se nell’automobile sono presenti minorenni.

 

Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha annunciato di voler prendere nuovamente in mano lo schema di decreto, già circolato in passato, sull’introduzione del divieto di fumo in auto. Solo che, a differenza della prima versione, ora lo stop scatterebbe solo se nell’abitacolo sono presenti bambini e minori di 18 anni.

La strada che intende percorrere il Governo sarebbe quella del decreto legge di modifica al codice della strada, che poi il Parlamento dovrebbe convertire in legge entro tempi ristretti. L’alternativa sarebbe invece un emendamento all’attuale testo di riforma al codice stradale che attualmente circola tra le Camere.

Se, in astratto, l’introduzione della nuova norma appare giustificata dagli ormai notori effetti sulla salute che ha il fumo passivo, specie sui più piccoli, la materiale contestazione dell’infrazione risulterà estremamente difficile. Salvo infatti che l’agente accertatore riesca a fermare l’auto e contestare immediatamente la violazione del divieto al responsabile – circostanza che, come dicono le statistiche, risulta sempre più difficile e rara – l’eventuale multa “a distanza” si presta a numerose contestazioni e ricorsi. Gli automobilisti, difatti – come dimostra l’esperienza con le sanzioni per l’uso del cellulare o del mancato uso delle cinture di sicurezza – non riescono a resistere alla tentazione di andare dal giudice di pace per far annullare la contravvenzione, mettendo in dubbio la percezione dell’agente. Sarà facile, allora, in difetto di contestazione immediata, sostenere che in realtà in auto non era presente un minore d’età (al suo posto, invece, il cuginetto già maggiorenne) o che la sigaretta fosse elettronica o addirittura spenta. Sarà solo un problema di testimoni.

Insomma, il rischio è quello di creare una norma che rimarrà solo sulla carta…


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI