Tech | News

Pericolo per la privacy: le app di messaggistica criptate potrebbero essere bandite!

13 Gennaio 2015 | Autore:
Pericolo per la privacy: le app di messaggistica criptate potrebbero essere bandite!

Il Primo Ministro britannico David Cameron promette di bandire le app di messaggistica criptate nel caso venga rieletto.

Visti i recenti scandali dell’NSA, si è diffusa tra gli utenti la paura di essere spiati e si è aperta la corsa alle app di messaggistica criptate. Anche WhatsApp, per tutelare la privacy dei suoi utenti, ha aggiornato recentemente il sistema di crittografia per rendere indecifrabili le conversazioni.

D’altra parte, però, si pone il problema della sicurezza, visto che queste stesse applicazioni possono essere utilizzate anche dai terroristi. Così, il Primo Ministro britannico David Cameron, in vista della campagna elettorale del prossimo maggio, ha promesso che se rieletto bandirà le app di messaggistica criptate se non verrà data la possibilità al Governo di intercettare le conversazioni.

Durante una recente conferenza stampa, Cameron ha ribadito come i recenti attacchi di Parigi dimostrino che non è possibile oggi permettere l’uso di applicazioni criptate come WhatsApp, Snapchat e altre simili.

Il problema della sicurezza è balzato alle cronache l’anno scorso con lo scandalo che ha coinvolto l’NSA: le rivelazioni di Edward Snowden hanno reso noto come ci fosse un organo segreto che intercettasse tutte le conversazioni, comprese quelle dei capi di governo. Di conseguenza aziende come Apple e Google hanno integrato negli ultimi smartphone sistemi hardware in grado di impedire le intercettazione anche da parte delle aziende stesse.

Della stessa opinione di Cameron sono il Procuratore generale Eric Holder e il direttore dell’FBI James Comey che stanno facendo pressione sulle aziende per fornire agli Stati Uniti un accesso backdoor ai loro prodotti perché questi sistemi di crittografia potrebbero incoraggiare la criminalità. Per ora la risposta delle aziende è stata negativa, ma non è detto che in futuro le cose non possano cambiare.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube