Questo sito contribuisce alla audience di
Cronaca | News

Saldi invernali 2023: ecco quando iniziano nella tua regione

2 Gennaio 2023 | Autore:
Saldi invernali 2023: ecco quando iniziano nella tua regione

Il cinque gennaio in quasi tutte le regioni d’Italia inizieranno i saldi, che avranno regole e durate differenti: ecco tutte le informazioni utili.

Ora che Natale e Capodanno sono ormai passati e il 2023 è ufficialmente iniziato, c’è chi è in trepida attesa per i soliti acquisti scontati garantiti dai saldi, che prenderanno il via tra pochi giorni. Secondo le stime di Confcommercio, saranno 15,4 milioni le famiglie che si dedicheranno allo shopping scontato e ogni persona spenderà circa 133 euro, per un giro di affari di 4,7 miliardi di euro.

Complessivamente, le vendite e i maxi sconti inizieranno il primo giorno feriale antecedente all’Epifania, ossia il 5 gennaio. Ci sono, però, tre regioni che seguiranno regole diverse: vediamo insieme regione per regione quando inizieranno e che criteri seguiranno i saldi invernali 2023.

Sardegna: dal 5 gennaio i saldi saranno garantiti per sessanta giorni, con il divieto di effettuare promozioni che copre i 40 giorni antecedenti l’inizio dei saldi.

Sicilia: quella siciliana è una delle tre regioni che ha anticipato l’inizio dei saldi, che hanno preso il via oggi 2 gennaio 2023, con il 25 marzo come fine prevista.

Calabria: i saldi inizieranno il 5 gennaio e finiranno il 6 marzo. Il divieto di effettuare promozioni parte dalle due settimane che precedono l’inizio dei saldi.

Basilicata: anche questa regione ha anticipato i tempi di avvio dei saldi, che sono iniziati oggi due gennaio e che finiranno il 2 marzo.

Campania: i saldi saranno validi dal 5 gennaio per sessanta giorni, con il divieto di effettuare promozioni dal mese che precede il loro avvio.

Puglia: qui i saldi dureranno un pochino meno: dal 5 gennaio al 28 febbraio, con il divieto di promozioni i 30 giorni precedenti.

Molise: il 5 gennaio inizieranno i saldi anche in questa regione e dureranno 60 giorni: il divieto di promozione è esteso sia ai 30 giorni precedenti che ai 30 successivi alla chiusura dei saldi.

Abruzzo: i saldi si apriranno il 5 gennaio e dureranno 60 giorni, senza alcun limite alle promozioni né nei giorni precedenti né in quelli successivi.

Lazio: qui i saldi, che partiranno il 5 gennaio, dureranno appena sei settimane. Il divieto di effettuare promozioni riguarda i 30 giorni che precedono i saldi.

Umbria:  saldi dal 5 gennaio al 5 marzo, con il divieto di fare promozioni i 30 giorni che li precedono.

Marche: saldi dal 5 gennaio al 1° marzo, con il canonico divieto di promozioni nei 30 giorni antecedenti l’inizio.

Toscana: saldi dal 5 gennaio al 5 marzo, con il canonico divieto di promozioni nei 30 giorni antecedenti l’inizio.

Emilia Romagna: saldi dal 5 gennaio al 5 marzo, con il canonico divieto di promozioni nei 30 giorni antecedenti l’inizio.

Liguria: qui le regole sono diverse. I saldi dureranno solamente 45 giorni, dal 5 gennaio al 18 febbraio, e il divieto di fare promozioni  esteso a 40 giorni prima del loro inizio.

Piemonte: saldi più lunghi nella regione piemontese, dove dureranno ben otto settimane a partire dal 5 gennaio, con il canonico divieto di promozioni nei 30 giorni antecedenti l’inizio.

Valle d’Aosta: è la terza regione che ha stabilito un inizio dei saldi anticipato, questa volta al 3 gennaio, con un prolungamento degli stessi fino al 31 marzo. Non sarà possibile fare promozioni solamente i 15 giorni che precedono l’inizio dei saldi.

Lombardia: saldi dal 5 gennaio al 5 marzo, con il canonico divieto di promozioni nei 30 giorni antecedenti l’inizio.

Veneto: qui saldi più corti, che vanno solamente dal 5 gennaio al 28 febbraio,  con il canonico divieto di promozioni nei 30 giorni antecedenti l’inizio.

Friuli Venezia Giulia: saldi dal 5 gennaio al 31 marzo, con la possibilità di effettuare promozioni in qualsiasi periodo dell’anno senza restrizioni.

Trentino Alto Adige: qui non ci sono regole uniche. Nella provincia di Trento non esiste una data di inizio dei saldi, che verranno decisi e organizzati a piacimento direttamente dagli esercenti. A Bolzano e provincia, invece, cambiano a seconda del distretto. Complessivamente i saldi andranno dal 7 gennaio al 4 febbraio o dal 4 marzo al 1° aprile.

Per evitare di essere truffati, Confcommercio ha stilato il decalogo con cinque consigli per i consumatori che si preparano ai saldi. Si parte dai cambi: la possibilità di cambiare il capo dopo che lo si è acquistato è generalmente lasciata alla discrezionalità del negoziante, a meno che il prodotto non sia danneggiato o non conforme. In questo caso, scatta l’obbligo per il negoziante della riparazione o della sostituzione del capo e, nel caso ciò risulti impossibile, la riduzione o la restituzione del prezzo pagato. Il compratore è però tenuto a denunciare il vizio del capo entro due mesi dalla data della scoperta del difetto.

La prova degli abiti è rimessa alla discrezionalità del negoziante, mentre per i pagamenti le carte di credito devono essere accettate da parte del negoziante e vanno favoriti i pagamenti cashless. I capi che vengono proposti in saldo devono avere carattere stagionale o di moda ed essere suscettibile; inoltre, il negoziante è obbligato a indicare il prezzo normale di vendita, lo sconto e il prezzo finale.



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube