Questo sito contribuisce alla audience di
Cronaca | News

Digitalizzazione insufficiente: processi ancora troppo lunghi

2 Gennaio 2023 | Autore:
Digitalizzazione insufficiente: processi ancora troppo lunghi

Ad oggi, il principio della ragionevole durata dei processi non viene ancora rispettato, nonostante gli sforzi di digitalizzazione fatti per accorciare i tempi.

Nonostante lo sforzo fatto dal Governo (Draghi prima, Meloni poi) di digitalizzazione dell’Italia, con particolare riguardo alla Pubblica Amministrazione, i processi sono ancora troppo lunghi, i tempi troppo dilatati, e gli impegni assunti fino ad ora non sufficienti. Ad affermarlo è la Corte dei Conti che, alla fine dell’anno, tira le somme di quanto fatto evidenziando gli importanti tasselli mancanti ancora da posizionare.

L’introduzione del processo civile telematico e gli obiettivi di maggiore efficienza legati alla digitalizzazione dei giudizi garantiscono solo in parte il rispetto del principio della ragionevole durata dei processi, che appare per lo più perseguibile con adeguate procedure di risoluzione extragiudiziale delle controversie. È quanto afferma la Corte dei Conti nella relazione, approvata con Delibera n. 53/2022/G, che la Sezione centrale di controllo sulla gestione delle amministrazioni dello Stato ha pubblicato in tema di «Obiettivi di efficientamento e risultati conseguiti dall’introduzione del processo civile telematico», riferita al quinquennio 2016-2020.

Nel documento, la magistratura contabile, «pur evidenziando le novità introdotte dal Pnrr relative all’ufficio per il processo (modulato sull’esempio anglosassone) e alle applicazioni sperimentali di intelligenza artificiale nei giudizi, sottolinea che la digitalizzazione dei processi costituisce un percorso lungo e laborioso, come testimoniano le numerose raccomandazioni UE sulla riduzione dei tempi della giustizia italiana».

Questo, ha specificato la Corte, «in virtù di una legislazione spesso episodica e poco organica, oltre alle difficoltà legate a un sistema soggetto a costanti aggiornamenti, interventi di reingegnerizzazione e cospicui investimenti per infrastrutture, progettazioni e formazione». Se infatti, rilevano i giudici contabili, «il processo telematico è ormai una solida realtà in ambito civile, permangono ancora ritardi in quello penale».

Le criticità, evidenzia la Corte, «sono legate non tanto all’amministrazione di riferimento, quanto al complessivo percorso di digitalizzazione in atto nel pubblico e nel privato, in un ambito che, per i soli processi civili, ha comunque coinvolto – tra luglio 2014 e dicembre 2020 – circa 1,2 milioni di professionisti attivi nel telematico, con più di 56 milioni di atti telematici depositati e oltre 34 milioni di provvedimenti nativi digitali».



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube