HOME Articoli

Lo sai che? Vietato vietare la sigaretta elettronica nei locali pubblici

Lo sai che? Pubblicato il 13 gennaio 2015

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 13 gennaio 2015

Illegittima l’ordinanza comunale che va oltre i limiti previsti dalla legge: il Comune può intervenire nella salute pubblica e non su quella dei privati.

Chissà come avrà motivato la propria “ordinanza” quel sindaco brianzolo che ha deciso, non molto tempo fa, di vietare l’uso della sigaretta elettronica nei locali pubblici. “Attenzione: il vapore arriccia gravemente i capelli”? Fatto sta – ironia a parte – che i Comuni possono interessarsi solo della salute pubblica, ma non di quella dei privati che resta materia delegata allo Stato o, al massimo, alle Regioni. Dunque è illegittima l’ordinanza comunale che vieta l’e-cig in città.

A dirlo è una recente sentenza del Tar Lombardia [1] che, così, ha annullato il provvedimento emesso dal Sindaco perché andava oltre i limiti delle ordinanze contingibili e urgenti. Il ricorso era stato presentato da un commerciante che opera nel settore delle sigarette elettroniche.

Insomma, l’amministrazione locale non può vietare di svaporare in “tutti i locali, uffici, immobili pubblici o aperti al pubblico o finalizzati a servizi pubblici o di pubblica utilità, comunque accessibili all’utenza ed ubicati nel territorio del Comune”.

Come argomentato nella sentenza in commento, la materia del divieto di fumo, nella quale rientra anche l’uso delle sigarette elettroniche, riguarda tutela della salute e quindi rientra nella competenza concorrente dello Stato e della Regione [2]. Invece, dall’altro lato, il Comune è legittimato a emanare ordinanze contingibili e urgenti in materia di salute solo in caso di emergenze sanitarie o di igiene pubblica a carattere esclusivamente locale [3].

note

[1] TAR Lombardia, sent. n. 3039/14.

[2] Ai sensi dell’art. 117 Cost.

[3] Art. 50 del T.U. di cui al d.lgs. n. 267/00.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI