Questo sito contribuisce alla audience di
Cronaca | News

Colf e badanti potrebbero costare 125 euro in più al mese

4 Gennaio 2023 | Autore:
Colf e badanti potrebbero costare 125 euro in più al mese

 Parti sociali e ministero del Lavoro hanno rinviato un nuovo tavolo per discutere degli aumenti delle retribuzioni minime di colf e badanti.

Chi ha familiari anziani a proprio carico sa bene quanto possono costare. Al di là del costo emotivo di doversi occupare di una persona a noi cara che non è più autosufficiente, difficilmente chi lavora è in grado di gestire questi soggetti in maniera autonoma, necessitando di un aiuto o da parte di una badante o colf, oppure appoggiandosi ad un centro specializzato. E qui entra in gioco un ingente costo economico.

Nel caso in cui la famiglia decida di affidare l’anziano alle cure di badanti, così da poterlo lasciare a casa o da potergli stare più vicino, la spesa mensile è ingente e, a partire dai prossimi giorni, rischia di pesare ancor di più sul bilancio familiare. A causa dell’adeguamento all’inflazione, il prossimo 18 gennaio 2023, lo stipendio di colf e badanti potrebbe aumentare fino al 9% se non si trova un accordo differente.

Le parti sociali sono ancora distanti ed è stato disposto nuovo rinvio del tavolo presso il ministero del Lavoro per discutere degli aumenti delle retribuzioni minime di colf e badanti. È quanto emerso nell’incontro di ieri tra i sindacati e le associazioni datoriali, tra le quali Nuova Collaborazione (associazione nazionale datori di lavoro domestico, componente di Fidaldo – Federazione italiana dei datori di lavoro domestico).

La preoccupazione di Nuova Collaborazione riflette quella delle famiglie italiane che, qualora non fosse trovato un accordo entro il 16 gennaio 2023 (data del prossimo e ultimo incontro), dovranno affrontare un aumento degli attuali minimi retributivi di oltre il 9%: nel caso di una badante si potrebbe anche arrivare a dover pagare 125 euro in più al mese, che all’anno diventerebbero 2mila.

L’auspicio è che si arrivi ad una mediazione tra le parti sociali firmatarie del Ccnl domestico, per scongiurare un aumento vertiginoso dei costi per le famiglie datoriali.



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube