Questo sito contribuisce alla audience di
Cronaca | News

Dopo il crollo dovuto al Covid la Tari torna a crescere

4 Gennaio 2023 | Autore:
Dopo il crollo dovuto al Covid la Tari torna a crescere

Dopo il crollo dovuto al Covid e alle chiusure del 2020, nel 2021 gli incassi della Tari sono tornati a crescere, superando quelli del 2019.

A causa della pandemia, dei lockdown, dei negozi chiusi e degli aiuti messi in campo dagli enti locali (oltreché dal Governo) per aiutare anche le piccole imprese, gli incassi Tari non sono mai stati così alti come nel 2020. In quell’anno, infatti, gli incassi sono stati inferiori per circa un miliardo a quelli dell’anno precedente (4,9 miliardi contro i 5,9 del 2019). Un crollo ‘annunciato’, legato a doppio filo alle esenzioni concesse per attenuare l’impatto economico generato dalle chiusure imposte per combattere la diffusione del Covid-19.

Nel 2021, si è assistito invece a un balzo, che ha consentito addirittura di superare il 2019, con un gettito pari a oltre 5 miliardi di euro. Milano è il Comune che, nell’intero triennio, ha registrato gli incassi Tari più alti. Sono alcuni dei risultati emersi da una ricerca di Centro Studi Enti Locali (Csel), per Adnkronos, basata sulla banca-dati ‘Siope+’ sia per quanto riguarda il gettito ‘ordinario’ sia per quanto riguarda quelle relativo alle attività di recupero evasione.

Il principale dato che emerge dall’analisi degli scostamenti degli anni 2020 e 2021 rispetto al 2019, dunque, è il crollo del gettito complessivo tra il 2019 e il 2020: nel 2020 la riduzione è del 16,64%, mentre nel 2021 il confronto con il 2019 restituisce una variazione in aumento dell’1,11%.

In termini di scostamento percentuale, il territorio con il maggior decremento di gettito nel confronto 2019-2020 è quello dell’Italia insulare e meridionale, mentre l’Italia nord-orientale ha ottenuto le migliori performance. Tra il 2019 e il 2020, in nessuna Regione si registra un incremento di gettito, mentre le maggiori riduzioni si sono registrate in Calabria e Molise. Tra il 2020 e il 2021, tutte le Regioni, tranne la Liguria, hanno visto incrementare il proprio gettito. Gli aumenti maggiori si registrano in Trentino-Alto Adige e Basilicata. Dall’analisi del confronto tra gettito 2019 e gettito 2021, si evidenzia come in sette Regioni (Calabria, Emilia-Romagna, Liguria, Molise, Umbria e Valle D’Aosta) il gettito si è ridotto.

«Gli effetti pandemici – osserva Csel – si sono fatti sentire nel corso del 2020. La riduzione del gettito è, però, riconducibile alle cospicue risorse messe in campo dal Legislatore, che hanno permesso agli Enti di calmierare gli effetti negativi della pandemia attraverso l’introduzione di misure agevolative sia per le utenze domestiche che per le utenze non domestiche. Nel corso del 2021, il gettito è tornato ai livelli pre-pandemici, ma occorre considerare anche l’eventuale incremento dei costi determinato dall’applicazione del ‘Metodo’».

Csel ricorda che, «a differenza di quanto avviene per l’Imu, per la tassa sui rifiuti non vi sono scadenze determinate dalla normativa nazionale, per cui il gettito conseguito dai Comuni risulta maggiormente influenzato dalle scelte intraprese da ciascuno di essi, posto che in alcuni enti le rate non scadono nello stesso anno ad oggetto della bollettazione; lo stesso vale per quanto riguarda riduzioni ed esenzioni, che in parte sono disposte dalla legge (cosiddette riduzioni tipiche) che trovano copertura all’interno del Pef, e in parte da disposizioni regolamentari dell’ente (cosiddette riduzioni atipiche) che devono essere coperte con fondi propri di bilancio».

«Inoltre, a livello di determinazione delle tariffe, le stesse devono coprire integralmente il costo del servizio – prosegue – così come determinato all’interno del Piano economico-finanziario, la cui redazione, a partire dal 2020, è sottoposta alla regolazione introdotta dal nuovo Metodo tariffario rifiuti di Arera».

«I Comuni – sottolinea – possono applicare, in alternativa alla Tari, la cosiddetta Tari corrispettiva, un prelievo di natura patrimoniale che prevede la misurazione puntuale della quantità di rifiuti conferiti. Negli enti che optano per la Tari corrispettiva, la tariffa è applicata e riscossa dal soggetto affidatario del servizio di gestione dei rifiuti, anche se in ogni caso è possibile applicare lo stesso prelievo con misurazione puntuale anche rimanendo nell’impostazione tributaria della Tari».

La ricerca di Centro Studi Enti Locali è focalizzata sui dati relativi alla Tassa rifiuti applicata nella versione tributaria, verificando i dati di incasso sui codici del Piano dei Conti integrato dedicati alla registrazione degli incassi ordinari e derivanti dall’attività accertativa.

Per quanto riguarda la ripartizione territoriale, i Comuni del Nord del Paese hanno complessivamente riscosso poco meno di 2,8 miliardi di euro nel 2019, contro i 916.367.449 del Nord-Est. A quelli del Centro sono andati complessivamente 1.161.251.251 euro, mentre Sud e Isole hanno avuto un gettito di poco superiore a 2 miliardi. Il 46,95% del gettito complessivo è appannaggio di Comuni del Nord Italia.

Si osserva che gli incassi più alti, ad eccezione della Lombardia, non rispecchiano in pieno la numerosità della popolazione delle Regioni, ad esempio la Toscana ha circa 2 milioni in meno di popolazione rispetto alla Campania. Ciò significa che i primi posti di Toscana e Piemonte sono dovuti anche a un livello del costo applicato in ogni singola realtà comunale maggiore rispetto ad altre Regioni di popolazione superiore.

A livello di attività di recupero evasione, nell’anno 2019 sono stati incassati 388.647.036,26 euro. In questa ‘speciale’ classifica, il primato spetta al Comune di Milano, seguito da Torino e Bologna e Como. Le Regioni maggiormente virtuose, da questo punto di vista, sono la Lombardia, l’Emilia-Romagna e la Toscana.

Venendo all’analisi degli incassi dell’annualità 2020, la prima di applicazione del Mtr Arera (approvato con la deliberazione n. 443/2019/R/Rif.), i Comuni hanno potuto utilizzare la facoltà prevista dall’art. 107, comma 5, del dl n. 18/2020, ovvero confermare anche per il 2020 le tariffe approvate nel 2019. Tale facoltà è stata largamente utilizzata da parte degli Enti, per cui i principali effetti dell’introduzione del nuovo Metodo per la redazione del Pef saranno visibili a partire dall’anno 202.

A livello di ripartizione geografica si conferma, al pari del 2019, il primato delle regioni del Nord Italia. La Lombardia ha mantenuto il primato regionale di incassi, anche nell’Annus horribilis della pandemia che l’ha vista colpita più di ogni altra. Anche il resto del podio è rimasto invariato, con Toscana e Piemonte al seguito. Come attività di recupero evasione, l’ammontare complessivamente incassato risulta pari a 273.421.994,62 euro, con una flessione di circa 115 milioni di euro (circa -30%).

L’analisi degli incassi Tari del 2021 mette in evidenza un ritorno ai livelli del 2019, con un gettito pari a 6.028.969.184,49 euro.

Segnali di ripresa sono arrivati anche dal recupero evasione, che si è attestato a 328.680.383 euro, con in testa Sicilia (53.156.195) e Lombardia (42.389.045,89).



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube