Diritto e Fisco | Articoli

Pignoramento presso terzi: Equitalia può evitare la firma dell’atto

14 Gennaio 2015
Pignoramento presso terzi: Equitalia può evitare la firma dell’atto

Cassazione: il blocco del conto o del quinto dello stipendio non richiede la sottoscrizione del dipendente dell’Agente della riscossione.

In tema di riscossione coattiva delle imposte dirette, è valido l’atto di pignoramento prezzo terzi (per esempio, quello del conto corrente, della pensione o dello stipendio) proveniente da Equitalia, anche se privo della sottoscrizione del dipendente che lo ha redatto, purché rechi l’indicazione – stampata al computer – dello stesso agente della riscossione, in modo tale da essere inequivocabilmente riferibile a quest’ultimo, poiché unico soggetto titolare del potere di procedere ad espropriazione forzata per conto dell’ente impositore.

È quanto emerge da una sentenza di qualche mese fa della Cassazione [1].

Il pignoramento, quindi, è del tutto lecito e non potrà essere impugnato per vizio di forma.

Ricordiamo che, nell’ambito della procedura speciale di pignoramento presso terzi intentata da Equitalia, quest’ultima è legittimata a procedere con una comunicazione diretta al terzo pignorato (la banca, il datore di lavoro o l’ente previdenziale), senza bisogno, invece, di agire in giudizio, con il normale procedimento in tribunale, davanti al giudice dell’esecuzione, che, invece, è obbligatorio in tutti gli altri casi.

Per sapere come funziona il pignoramento presso terzi effettuato da Equitalia (recentemente riformato dal Decreto del Fare – leggi “Pignoramento prezzo terzi di Equitalia: così cambia dopo il decreto del fare”) rinviamo alla nostra più completa guida:

EQUITALIA: COME AVVIENE IL PIGNORAMENTO DI CONTO, STIPENDIO O PENSIONE.


note

[1] Cass. sent. n. 24541/14 del 18.11.2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube