Questo sito contribuisce alla audience di
Cronaca | News

Esame di avvocato: le informazioni sulla prima prova orale

5 Gennaio 2023 | Autore:
Esame di avvocato: le informazioni sulla prima prova orale

Con un recente decreto ministeriale sono state rese note le modalità e i criteri con cui si svolgerà la prima prova orale dell’esame di avvocatura.

Mancano ormai una manciata di giorni all’inizio degli esami di avvocatura, tramite i quali gli aspiranti avvocati dopo mesi di intenso studio verranno messi alla prova per verificare le loro conoscenze e la loro capacità di applicarle ai casi concreti per trovare soluzioni efficaci.

Sono stati finalmente pubblicati dal ministero della Giustizia i criteri per la sessione 2022 dell’esame da avvocato. In un decreto ministeriale intitolato «Linee generali per la formulazione dei quesiti da porre nella prima prova orale e per la valutazione dei candidati», il Ministero ha rese note le modalità, le materie e i criteri che interesseranno la prima prova orale dell’esame di avvocatura. Le sessioni prenderanno avvio dal 16 gennaio 2023 nei diversi distretti di Corte d’Appello.

Come  previsto dall’avvento della pandemia Covid, al fine di arginare quanto più possibile il diffondersi del virus ed evitare rischi, anche quest’anno l’esame si svolgerà tramite una doppia prova orale, la prima delle quali andrà a sostituire le tradizionali prove scritte. Nello specifico il candidato dovrà esaminare e discutere una questione pratico-applicativa trovando una soluzione giuridica ad un caso sottopostogli.

Il quesito non sarà meramente teorico e non dovrà implicare l’esposizione a un tema su un argomento svincolata da un caso concreto. L’essenza di questa prima prova orale, infatti, la sua dimensione pratico-applicativa, che ha lo scopo di verificare la capacità del candidato di individuare, inquadrare e risolvere i problemi giuridici partendo da casi concreti.

Il caso sottoposto non dovrà essere né meramente sostanziale né esclusivamente processuale, ma dovrà valorizzare sia il profilo sostanziale che quello processuale.

Il decreto ministeriale prevede che la struttura dei quesiti dovrà essere così articolata:

  • breve esposizione di un caso prospettabile nell’esperienza professionale;
  • indicazione, nella descrizione della fattispecie concreta, di circostanze utili a individuare i
  • profili/elementi rilevanti per il diritto sostanziale e processuale, i nodi problematici e gli
  • istituti coinvolti;
  • posizione del quesito al candidato, che assume le vesti del legale.

In ogni caso, la prova si concentrerà sulle conoscenze del candidato in una materia scelta preventivamente da lui tra quelle regolate dal Codice civile, penale e diritto amministrativo.

I quesiti predisposti da ciascuna commissione o sottocommissione d’esame dovranno essere quanto più possibile omogenei, per struttura, lunghezza e complessità. Una volta concluso l’esame preliminare del caso, il candidato presenterà alla commissione la propria soluzione argomentandola e rispondendo alle eventuali domande fattegli.

La prima prova orale ha un duplice scopo:

  • verificare la capacità di inquadrare ed elaborare in tempo breve il caso proposto e di individuarne gli eventuali rimedi a disposizione, con il supporto dei testi di legge, annotati con la sola giurisprudenza;
  • verificare la capacità di discutere il caso in modo sintetico ed efficace, mostrando l’attitudine a individuare i problemi posti dal caso concreto e a prospettare, anche alternativamente, soluzioni plausibili alla luce della normativa e della giurisprudenza.


Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube