Questo sito contribuisce alla audience di
Cronaca | News

Inflazione: come crescerà nel 2023

5 Gennaio 2023 | Autore:
Inflazione: come crescerà nel 2023

Secondo l’Istat, nel 2023 l’inflazione acquisita è pari a +5,1%, molto superiore rispetto a quella osservata per il 2022 che non raggiungeva il 2%.

Sarà necessario stringere i denti ancora un per un po’: l’inflazione non ha intenzione di demordere. Anche durante l’anno appena iniziato l’aumento dei prezzi continuerà a pesare sulle casse delle famiglie che, secondo quanto denunciato dall’Unione Nazionale Consumatori, pagheranno oltre 2.200 euro in più.

Nel 2022, i prezzi al consumo hanno registrato una crescita in media d’anno di +8,1%, segnando l’aumento più ampio dal 1985 (quando fu pari a +9,2%), principalmente a causa dall’andamento dei prezzi dei beni energetici (+50,9% in media d’anno nel 2022, a fronte del +14,1% del 2021). Al netto di questi beni, nell’anno che si chiude, la crescita dei prezzi al consumo è pari a +4,1% (da +0,8% del 2021), secondo quanto spiegato dall’Istat.

In base alle stime preliminari l’inflazione acquisita, per il 2023 (ossia la crescita media che si avrebbe nell’anno se i prezzi rimanessero stabili fino al prossimo dicembre) è pari a +5,1%, ben più ampia di quella osservata per il 2022, quando fu pari a +1,8%. Una piccola buona notizia arriva con una lieve frenata del carrello della spesa verificatasi a dicembre.

Le associazioni dei consumatori sono molto preoccupate per i dati allarmanti prospettati dall’Istat che, ricapitolando il tragico anno appena passato, ha ipotizzato un quadro futuro non più roseo del precedente.

«Dati catastrofici! Famiglie sempre più inguaiate! Tutti nodi che ora verranno al pettine, con effetti negativi sui consumi e sul Pil. Già oggi l’Istat ha attestato che nel terzo trimestre 2022 il potere d’acquisto, pur tenendo ancora rispetto al secondo trimestre, è sceso dell’1,2% rispetto a un anno prima. Un primo campanello d’allarme, per una situazione destinata a peggiorare nel quarto trimestre dello scorso anno e soprattutto nel corso del 2023 per via dell’inflazione pari a +8,1%, record dal 1985». Lo afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, nel commentare i dati dell’Istat sull’inflazione di dicembre.

«I dati dell’inflazione implicano che nel 2022 una coppia con 2 figli ha pagato 700 euro in più rispetto al 2021 per poter mangiare e bere. Una famiglia media ha avuto una stangata per i prodotti alimentari e le bevande analcoliche pari a 513 euro, cifra che sale a 632 per una coppia con 1 figlio e che arriva a 836 euro per le coppie con 3 figli», prosegue Dona.

«Per quanto riguarda l’inflazione media nel suo complesso, il +8,1% significa aver avuto nel 2022, per una coppia con due figli, un aumento del costo della vita rispetto al 2021 pari a 2766 euro su base annua, di cui 1321 per abitazione, elettricità e combustibili, 425 per trasporti, 724 per il solo carrello della spesa. Per una coppia con 1 figlio, la spesa aggiuntiva avuta nel 2022 è pari a 2570 euro. In media per una famiglia il rincaro dello scorso anno è di 2219 euro, 1200 per l’abitazione, 532 per il solo carrello della spesa. Il primato spetta ancora una volta alle famiglie numerose con più di 3 figli con una mazzata rispetto al 2021 pari a 3102 euro, 1472 per l’abitazione e 860 per i beni alimentari e per la cura della casa e della persona», conclude Dona.



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube