Questo sito contribuisce alla audience di
Cronaca | News

Quanto perde la Russia grazie al divieto di importazioni

11 Gennaio 2023 | Autore:
Quanto perde la Russia grazie al divieto di importazioni

Secondo le stime la Russia lo scorso mese ha perso il 17% dei propri guadagni, toccando ricavi mai così bassi dall’inizio della guerra.

L’Unione Europea fin dallo scoppio della guerra in Ucraina ha preso posizione a favore di Kiev, cercando di annientare l’economia russa nella speranza di fermare l’avanzata guerrafondaia del presidente Vladimir Putin.

A distanza di mesi l’economia di Mosca risente ogni giorno di più delle limitazioni e dei divieti imposti non solo dall’Europa ma anche dagli Stati Uniti, coalizzati con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

Il divieto dell’Ue sulle importazioni di greggio dalla Russia e il tetto al prezzo del petrolio «stanno costando alla Russia una cifra stimata in 160 milioni di euro al giorno, che dovrebbe salire a 280 milioni di euro al giorno con le misure aggiuntive in corso di attuazione entro il 5 febbraio». Nel valutare l’impatto del divieto dell’Ue sul petrolio russo trasportato via mare, entrato in vigore il 5 dicembre 2022, il Centro di ricerca sull’energia e l’aria pulita (Crea) rivela, in una nota, che «i guadagni della Russia dalle esportazioni di combustibili fossili sono diminuiti significativamente, in gran parte a causa del divieto».

Secondo l’analisi, «nel dicembre 2022, i guadagni della Russia sono scesi del 17%, al livello più basso dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina. Il divieto di importazione del greggio da parte dell’Ue e il più ampio tetto ai prezzi hanno causato una riduzione del 12% delle esportazioni di greggio della Russia e un calo del 23% dei prezzi di vendita, per un calo del 32% delle entrate russe di greggio a dicembre. Oltre a queste misure, a fine dicembre la Germania ha bloccato le importazioni di petrolio dagli oleodotti, causando un’ulteriore riduzione del 5%». Nonostante il calo delle entrate, «le esportazioni di combustibili fossili della Russia fruttano ancora 640 milioni di euro al giorno, destinati a scendere a circa 520 milioni di euro entro febbraio, con l’entrata in vigore del divieto dell’Ue sulle importazioni di petrolio raffinato e l’estensione del tetto dei prezzi al petrolio raffinato».



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube