Questo sito contribuisce alla audience di
Cronaca | News

Cosa preoccupa di più gli italiani oggi

12 Gennaio 2023 | Autore:
Cosa preoccupa di più gli italiani oggi

Complessivamente si può dire che gli italiani sono più preoccupati di ciò che può accadere rispetto ai cittadini di altri paesi europei.

In questi ultimi anni di motivi di preoccupazione ce ne sono parecchi. Al di là dei turbamenti personali che sono parte della vita, con l’avvento del Covid, della pandemia, dei lockdown, della crisi economica, della guerra, e chi più ne ha più ne metta, è comprensibile che gli italiani siano più preoccupati di un tempo in cui la situazione lavorativa e personale poteva apparire più stabile e sicura. La società sta cambiando, gli eventi esterni che interferiscono nelle vite private fanno sì che ci sia sempre meno certezza, più precarietà, rendendo la quotidianità da un lato più sconfortante, dall’altro più dinamica.

In ogni caso, le preoccupazioni non mancano mai. In particolare, l’inflazione che rende la vita sempre più costosa, impoverendo la popolazione, il cambiamento climatico e la guerra in Ucraina preoccupano gli italiani molto più della media Ue. È quanto emerge da un sondaggio Eurobarometro commissionato dal Parlamento Europeo, diffuso oggi ed effettuato mediante 1.027 interviste di persona in Italia tra il 12 e il 21 ottobre 2022 (26.431 quelle effettuate in totale nell’Ue). Ben il 98% degli italiani si dice preoccupato per il costo crescente della vita, contro il 93% della media Ue. Solo il 2% degli intervistati nel nostro Paese non si cura dell’inflazione.

Il distacco è ancora più marcato se si passa alla povertà e all’esclusione sociale: preoccupa il 92% dei nostri connazionali, contro l’82% della media Ue. Gli italiani temono anche il cambiamento climatico (92% contro l’81% in Ue), la possibilità che la guerra in Ucraina si allarghi ad altri Paesi (89% contro 81%), il rischio di un incidente nucleare (88% contro 74%), ma anche i rischi che corrono i valori europei come libertà e democrazia (80% contro 72%), nonché le migrazioni (83% contro 70%). Sono molto più preoccupati della media Ue, infine, per la diffusione di malattie come la Covid-19 e il vaiolo delle scimmie (85% contro 62%).

Per quanto riguarda la guerra in Ucraina, in particolare, emerge un distacco netto tra l’Italia e la media Ue per quanto riguarda l’approvazione delle misure di sostegno a Kiev, inclusi gli aiuti militari, e le sanzioni contro la Russia: solo il 62% degli italiani approva del tutto, o abbastanza, queste misure, contro il 74% della media Ue. Solo il 12% degli intervistati le approva “completamente”, contro il 31% della media Ue. Il 35% degli italiani, più di un terzo quindi, le disapprova, abbastanza (26%) o completamente (9%), contro il 24% della media Ue (16% e 9%, rispettivamente).



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube