Questo sito contribuisce alla audience di
Cronaca | News

Russia, un’altra crepa mina il potere di Mosca

13 Gennaio 2023 | Autore:
Russia, un’altra crepa mina il potere di Mosca

La proposta di confiscare i beni ai russi che hanno lasciato la patria ha messo in subbuglio i vertici del Governo russo, ancora una volta in discordia.

Neppure ai vertici del Cremlino c’è concordia sui prossimi passi da compiere. Che l’avanzata russa in territorio ucraino non stia andando come sperato è ormai una costante che va avanti da mesi, e più il tempo passa più la forza del morso del potere politico del presidente Vladimir Putin e del suo entourage perde energia e credibilità.

Una nuova crepa si è aperta, sotto gli occhi di tutti, nel regime in Russia. Dopo lo scontro in atto fra i mercenari di Evgheny Prigozhin e i militari inquadrati nei ranghi, riconfermato nei giorni scorsi nella Soledar assediata dai russi, con il portavoce della Presidenza russa Dmitry Peskov che ha per due volte corretto le parole del fondatore della Wagner.

Oggi sempre Peskov, corregge il Presidente della Duma, Vyacheslav Volodin e boccia la sua idea di introdurre un provvedimento per introdurre la confisca dei beni per chi ha lasciato la Russia, critica il Governo o discredita le forze militari. Il «tema di restrizioni per coloro che hanno lasciato la Russia è pertinente molto complesso e bisogna fare attenzione – ha aggiunto – a non aprire un vaso di Pandora. I nemici sono nemici, dobbiamo combatterli, ma gli altri sono nostri cittadini e devono rimanere tali», ha spiegato, lanciando un sassolino nell’ingranaggio fino a ora perfetto e oliatissimo che dalla anticipazione di un deputato sfornava legge dopo legge, sempre firmate dal Presidente, in tempi brevi e senza ostacoli.

Il Presidente della Duma in Russia Vyacheslav Volodin ha anticipato sul suo canale Telegram la possibilità dell’introduzione di una legge per la confisca dei beni per i russi che hanno lasciato il Paese o che criticano la guerra o il governo russo.

«Alcuni russi considerano possibile insultare la Russia, i suoi abitanti, soldati e burocrati e sostenere apertamente i nazisti e gli assassini allo scopo di mantenere il loro benessere all’estero», aveva poco prima scritto Volodin sul suo canale Telegram.

«Tali dichiarazioni possono essere considerate come incitazioni all’estremismo, alla riabilitazione del nazismo, o al discredito delle forze armate. Come si è dimostrato, le misure esistenti di risposta non sono sufficienti», ha quindi affermato l’esponente di Russia Unita denunciando che, fra i russi all’estero, «ce ne sono che vivono confortevolmente grazie al nostro Paese».



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube