Questo sito contribuisce alla audience di
Cronaca | News

Gioco d’azzardo e pubblicità occulta: nuovo passo falso di Facebook

13 Gennaio 2023 | Autore:
Gioco d’azzardo e pubblicità occulta: nuovo passo falso di Facebook

Meta è accusata di aver violato il divieto di pubblicità del gioco d’azzardo previsto dal decreto Dignità, motivo per cui è stata multata dall’Agcm.

Ti è mai capitato, mentre scrolli la tua home di Instagram o di Facebook, di vedere la pubblicità o qualche sponsorizzazioni di giochi d’azzardo. È possibile che sia successo, nonostante sia stato sancito un espresso divieto, ed è proprio per questo che Meta è finita ancora una volta nei guai, questa volta con l’Agcm.

Il Consiglio dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcm) ha adottato all’unanimità un’ordinanza di ingiunzione nei confronti della società Meta Platforms Ireland Limited (Meta) di un importo pari a 750.000,00 euro per la violazione del divieto di pubblicità del gioco d’azzardo sancito dal «decreto Dignità». Si tratta del primo provvedimento emanato dall’Autorità nei confronti di una piattaforma di un social media per aver consentito la diffusione di contenuti, in violazione del citato divieto. Meta è la società controllata che controlla Facebook e Instagram.

Tra le motivazioni a fondamento della sanzione, si sottolinea, in particolare, che Meta è responsabile per non aver previsto nelle proprie condizioni generali, destinate al mercato italiano e relative alla promozione di beni e servizi a pagamento, alcuna restrizione in relazione alla pubblicità di giochi con vincite in denaro.

Nello specifico, è emerso che la società consente a tutti i propri clienti business che intendono rivolgersi al pubblico italiano di promuovere tali contenuti, anche attraverso la «targetizzazione» delle inserzioni pubblicitarie.

Oltre alla sanzione amministrativa pecuniaria, l’Autorità ha anche imposto a Meta di impedire a ciascun autore delle sponsorizzazioni oggetto del provvedimento la diffusione e il caricamento di analoghi contenuti violativi, in linea con le più recenti pronunce della Corte di giustizia dell’Unione europea.



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube