Questo sito contribuisce alla audience di
Diritto e Fisco | Articoli

Carta acquisti: chi ne ha diritto e come funziona

20 Gennaio 2023 | Autore:
Carta acquisti: chi ne ha diritto e come funziona

A chi è rivolto e a quanto ammonta il sussidio statale per fare la spesa e pagare le bollette; come fare domanda e quali requisiti personali e reddituali occorrono.

Le famiglie italiane meno abbienti e con bambini piccoli o persone anziane possono tirare un sospiro di sollievo: dal 1° gennaio 2023 il Mef (Ministero dell’Economia e Finanze) ha reso disponibili i moduli per richiedere una carta elettronica, che consente di ottenere un contributo economico sulle spese alimentari, farmaceutiche e delle utenze di luce e gas. Si tratta della Carta acquisti: vediamo chi ne ha diritto e come funziona.

Carta acquisti: cos’è e chi ne ha diritto

La Carta acquisti è uno strumento di sostegno a persone che hanno compiuto 65 anni o hanno figli di età inferiore a 3 anni e che si trovano in una situazione di grave difficoltà economica, anche se non di povertà vera e propria.

Il sussidio concesso dallo Stato ammonta a 40 euro mensili e serve per fronteggiare le spese essenziali che ora ti indichiamo.

Carta acquisti: a cosa serve e come funziona

La Carta acquisti funziona come una normale carta di pagamento elettronica, sulla quale vengono accreditati bimestralmente 80 euro, che possono essere spesi per:

  • acquisto di generi alimentari presso negozi, supermercati e ipermercati;
  • acquisto di medicinali e altri prodotti venduti nelle farmacie e parafarmacie;
  • pagamento di bollette elettriche e del gas presso gli uffici postali;
  • acquisto di prodotti a prezzi scontati nei negozi convenzionati.

La Carta acquisti non è abilitata a prelievi di denaro contante. Per le transazioni si appoggia al circuito Mastercard; il titolare esibisce la propria carta all’esercente e il pagamento viene effettuato con il plafond statale.

Carta acquisti: come fare domanda

La Carta acquisti può essere chiesta presso gli uffici postali compilando con i propri dati l’apposito modulo, che viene trasmesso in via telematica all’Inps per la verifica dei requisiti personali e reddituali. Il tempo di lavorazione del procedimento è di 30 giorni.

In caso di esito positivo, la Carta acquisti viene rilasciata e può essere ritirata direttamente nell’ufficio postale, già ricaricata per l’importo del bimestre decorrente dalla data di presentazione della domanda. Le successive ricariche avvengono in automatico.

Carta acquisti: requisiti

I richiedenti la Carta acquisti devono essere cittadini italiani, o di un altro Stato appartenente all’Unione Europea, oppure familiari di un cittadino italiano o eurocomunitario e con diritto di soggiorno in Italia. In tutti i casi occorre la regolare iscrizione nell’Anagrafe comunale della popolazione residente.

Ci sono anche dei requisiti economici: per ottenere la Carta acquisti bisogna avere un Isee non superiore a 7.640,18 euro per i genitori di bambini di età inferiore a 3 anni e per le persone di età compresa fra 65 e 69 anni, oppure non superiore a 10.186,91 euro per gli anziani dai 70 anni in su (i valori sono riferiti all’anno 2023). Inoltre è necessario:

  • non essere, da soli o insieme al coniuge, intestatari di più di una utenza elettrica domestica e di più di due utenze del gas;
  • non essere, da soli o insieme al coniuge, proprietari di più di due autoveicoli e di più di un immobile ad uso abitativo con una quota superiore o uguale al 25%;
  • non essere, da soli o insieme al coniuge, titolari di un patrimonio mobiliare superiore a 15mila euro, rilevato nella dichiarazione Isee;
  • non essere fruitori di vitto assicurato dallo Stato o da altre pubbliche amministrazioni perché ricoverati in istituti di cura di lunga degenza o detenuti in istituti di pena.


Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube