Questo sito contribuisce alla audience di
Cronaca | News

Per i casi di mafia non servirà una querela per procedere

20 Gennaio 2023 | Autore:
Per i casi di mafia non servirà una querela per procedere

Non sarà necessaria una querela di parte per i «reati di mafia» che, su decisione del Cdm, saranno procedibili anche d’ufficio.

I nodi della riforma Cartabia sono venuti al pettine ormai da tempo: tra i più grandi vi rientra indubbiamente quello dei tanti reati divenuti procedibili solo previa querela di parte. Tra questi, però, non vi rientreranno quelli compiuti con l’aggravante del metodo mafioso, su recente decisione del Consiglio dei Ministri, che ormai da tempo aveva annunciato la propria decisione.

Via libera del Consiglio dei ministri, ieri sera, al ddl contenente «norme in materia di procedibilità d’ufficio e di arresto obbligatorio in flagranza». Il provvedimento contiene interventi correttivi alla riforma del processo penale Cartabia, in particolare su una delle questione su cui, dopo l’entrata in vigore della riforma (il 30 dicembre scorso), erano emerse maggiori criticità: i reati procedibili solo a querela di parte. La querela, è la modifica approvata dal Cdm, non è necessaria se c’è l’aggravante mafioso: in questi casi si procede d’ufficio.

«Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro della giustizia Carlo Nordio, ha approvato un disegno di legge volto a introdurre norme in materia di procedibilità d’ufficio e di arresto obbligatorio in flagranza. Il testo prevede la procedibilità d’ufficio per tutti i reati per i quali sia contestata l’aggravante del ‘metodo mafioso’ o della finalità di terrorismo o di eversione. Inoltre, la procedibilità d’ufficio è prevista anche per il reato di lesione personale, quando è posto in essere da persona sottoposta a una misura di prevenzione personale, fino ai tre anni successivi al termine della misura stessa», si legge nella nota diffusa dal Cdm.

«Infine, si stabilisce che l’arresto in flagranza previsto come obbligatorio debba essere eseguito anche in mancanza della querela, quando la persona offesa non è presente o prontamente rintracciabile. In tali casi, gli ufficiali o gli agenti di polizia giudiziaria dovranno effettuare tempestivamente ogni utile ricerca della persona offesa e, ove la querela non fosse presentata nel termine di quarantotto ore dall’arresto o la persona offesa decidesse di rinunciarvi, l’arrestato sarà rimesso immediatamente in libertà», conclude.



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube