Questo sito contribuisce alla audience di
Cronaca | News

PayPal: i conti non tornano?

23 Gennaio 2023 | Autore:
PayPal: i conti non tornano?

È stato avviato un procedimento contro il servizio di pagamento online PayPal, sospettato di ostacolare la concorrenza e di limitare i prezzi competitivi.

Ormai da tempo Paypal è uno dei metodi di pagamento più utilizzati per gli acquisti online: agile per chiunque lo abbia, garantisce trasparenza e sicurezza per le transazioni fatte su internet, senza la necessità di dover inserire i dati sensibili della carta di credito. Grazie a Paypal si corrono meno rischi ed è proprio per questo che moltissime persone ogni giorno lo utilizzano. Proprio in virtù del successo ottenuto negli ultimi anni, Paypal è diventato un sorvegliato speciale che, secondo le ultime indagini, ha agito in maniera non del tutto trasparente.

L’Ufficio federale tedesco per i cartelli ha annunciato lunedì di aver avviato un procedimento contro il servizio di pagamento online PayPal, sospettato di ostacolare la concorrenza e di limitare i prezzi competitivi. Il motivo alla base del provvedimento sono le condizioni d’uso di PayPal per i pagamenti premium e il modo in cui PayPal si presenta, ha dichiarato l’ufficio dalla sua sede di Bonn.

«Queste clausole potrebbero limitare la concorrenza e rappresentare una violazione del divieto di abuso», ha dichiarato il presidente dell’ufficio cartelli Andreas Mundt. I consumatori potrebbero pagare prezzi più alti per il servizio indirettamente attraverso l’aumento dei prezzi dei prodotti, ha affermato. L’ufficio indagherà ora sul potere di mercato di PayPal e sulla misura in cui i commercianti online fanno affidamento sul servizio di pagamento.

In particolare, il cartello sostiene che PayPal vieta ai commercianti di offrire i propri beni e servizi a prezzi inferiori ai clienti che utilizzano un servizio di pagamento più economico di quello di PayPal. Ai commercianti è inoltre vietato indicare una preferenza per un servizio di pagamento diverso da quello offerto da PayPal e di facilitarne l’uso ai clienti.

«Se ai commercianti viene impedito di tenere conto dei diversi costi dei vari metodi di pagamento o dei corrispondenti premi o sconti, altri e nuovi metodi di pagamento non possono confrontarsi con la concorrenza sui prezzi e sulla qualità, o non si affacciano affatto sul mercato», ha dichiarato Mundt.

In Germania esistono notevoli differenze nelle tariffe dei servizi di pagamento online, che i commercianti scaricano sul cliente. PayPal non è solo il principale fornitore del settore in Germania, ma anche uno dei più costosi.



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube