Questo sito contribuisce alla audience di
Cronaca | News

Sciopero benzinai: ultime ore per fare il pieno

24 Gennaio 2023 | Autore:
Sciopero benzinai: ultime ore per fare il pieno

Dalle 19 di oggi i primi benzinai inizieranno lo sciopero di 48 ore annunciato dai sindacati, che si concluderà alle 22 del 26 gennaio.

Mancano poche ore all’inizio dello sciopero dei benzinai annunciato dai sindacati di categoria, contrari alle nuove norme stabilite con il Decreto trasparenza che impongono, tra le altre cose, alle pompe di benzina di esporre i cartelli con il prezzo della media regionale. Già a partire da ieri sera la coda di chi doveva fare rifornimento prima dello sciopero precedeva ogni pompa di benzina delle strade più frequentate.

Da oggi, 24 gennaio 2023, alle 19 sulla rete ordinaria e dalle 22 sulle autostrade i distributori dei carburanti saranno chiusi per sciopero per 48 ore. A comunicare le modalità dello sciopero sono Faib, Fegica e Figisc-Anisa in un comunicato congiunto.

«Il Governo, invece di aprire al confronto sui veri problemi del settore, continua a parlare di ‘trasparenza’ e ‘zone d’ombra’ solo per nascondere le proprie responsabilità ed inquinare il dibattito, lasciando intendere colpe di speculazioni dei benzinai che semplicemente non esistono», sottolineano i gestori. «Ristabilire la verità dei fatti diviene quindi prioritario, per aprire finalmente il confronto di merito», aggiungono.

Gli impianti di rifornimento carburanti rimarranno chiusi per sciopero –compresi i self service, per 48 ore consecutive, dalle 19 del 24 alle 19 del 26 gennaio sulla rete ordinaria e dalle 22 del 24 alle 22 del 26 gennaio sulla viabilità autostradale.

Mentre si avvicina lo sciopero annunciato dai benzinai e alla luce del balzo delle quotazioni internazionali dei prodotti raffinati, si registrano nuovi rialzi sui listini dei prezzi consigliati dei carburanti. Stando alla rilevazione di Staffetta Quotidiana e Quotidiano Energia, Eni ha aumentato di due centesimi al litro i prezzi consigliati di benzina e gasolio. Stessa mossa per Q8, mentre per IP registriamo un rialzo di un cent/litro su entrambi i prodotti. Il risultato è una ulteriore crescita delle medie nazionali dei prezzi alla pompa, con la benzina in “fai da te” – secondo l’Osservatorio prezzi del ministero dello Sviluppo economico – a 1,84 euro/litro (1,98 “sul servito”) e il gasolio a 1,89 (2,026 sul “servito”). I prezzi praticati del Gpl si posizionano tra 0,792 e 0,802 euro/litro (no logo 0,772). Infine, il prezzo medio del metano auto si colloca tra 2,046 e 2,281 (no logo 2,147). Venerdì i prodotti raffinati in Mediterraneo avevano chiuso con la benzina a 636 euro per mille litri (+16 euro), diesel a 776 euro per mille litri (+27 euro).



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube