Questo sito contribuisce alla audience di
Diritto e Fisco | Articoli

Si può geolocalizzare l’auto aziendale guidata dal dipendente?

24 Gennaio 2023 | Autore:
Si può geolocalizzare l’auto aziendale guidata dal dipendente?

GPS e controllo dei chilometri e del percorso fatto dal lavoratore: è possibile usare i dati per il licenziamento?

Chi usa l’auto aziendale potrebbe essere soggetto a controllo tramite GPS. Tuttavia non a tutti è chiaro se tale tipo di tracciamento del percorso compiuto dal lavoratore sia legittimo o meno. Questo perché, come noto, l’articolo 4 dello Statuto dei lavoratori vieta i controlli a distanza degli stessi se ciò avviene senza il previo accordo con i sindacati aziendali o, in mancanza, dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro. Ed in ogni caso il controllo può avvenire solo per esigenze organizzative e produttive, per la sicurezza del lavoro e per la tutela del patrimonio aziendale.

È stato più volte chiesto alla Cassazione se si può geolocalizzare l’auto aziendale guidata dal dipendente. Proprio di recente è stata pubblicata una sentenza della Corte Europea dei diritti dell’uomo [1] che chiarisce i limiti all’uso del rilevamento del tragitto del lavoratore durante il servizio. Ecco cosa dicono i giudici a riguardo.

Cos’è e come funziona l’auto aziendale?

L’auto aziendale è un veicolo che viene utilizzato per scopi aziendali, come il trasporto di rappresentanti commerciali, l’effettuazione di consegne o il trasporto di dipendenti per scopi lavorativi. Di solito l’auto aziendale è di proprietà dell’azienda e viene assegnata a dipendenti specifici per l’utilizzo durante il loro orario di lavoro. 

In alcuni casi, l’azienda può anche fornire un’auto aziendale a un dipendente per l’uso personale, ma in questo caso può essere richiesto un contributo da parte del dipendente o un utilizzo limitato. In generale, l’uso dell’auto aziendale è regolato da politiche e procedure interne dell’azienda e può essere soggetto a tasse e a restrizioni fiscali.

Chi può utilizzare la macchina aziendale?

La macchina aziendale può essere utilizzata da dipendenti dell’azienda per scopi lavorativi. Solitamente è assegnata a dipendenti specifici che hanno bisogno di utilizzarla per svolgere il loro lavoro, come rappresentanti commerciali che devono viaggiare per incontrare clienti o dipendenti che devono effettuare consegne o ritiri. In alcuni casi, l’auto può essere utilizzata anche da dirigenti o funzionari dell’azienda per scopi ufficiali. 

In caso di contravvenzioni, la multa arriva al datore di lavoro che poi sarà tenuto a fornire alla polizia, nei 60 giorni successivi, il nome del dipendente alla guida. Sarà questi che subirà la decurtazione dei punti e sarà tenuto, in solido con l’azienda, a pagare la contravvenzione. 

Cosa vuol dire veicolo geolocalizzato?

Un veicolo geolocalizzato è un veicolo equipaggiato con un dispositivo di localizzazione GPS che consente di determinare la posizione esatta dell’auto in qualsiasi momento. Questa informazione può essere utilizzata per tracciare il percorso del veicolo, monitorare la velocità e la distanza percorsa, e per altre funzioni di gestione delle flotte aziendali.

Come schermare un GPS auto?

Ci sono diverse opzioni per schermare un GPS auto:

  • utilizzare una copertura per il dispositivo GPS: si tratta di una copertura in materiale schermante che può essere posizionata sulla parte anteriore del GPS per impedire la ricezione dei segnali;
  • utilizzare una scatola schermante: si tratta di una scatola di metallo o di un altro materiale schermante che può essere posizionata intorno al GPS per impedire la ricezione dei segnali;
  • utilizzare un adesivo schermante: esistono adesivi speciali che possono essere applicati sulla parte anteriore del GPS per impedire la ricezione dei segnali;
  • utilizzare un dispositivo jammer GPS: si tratta di un dispositivo in grado di emettere un segnale di disturbo che interferisce con i segnali GPS, rendendoli inutilizzabili.

In alcuni paesi l’utilizzo di questi sistemi può essere vietato, per cui è necessario verificare la legge del proprio Paese prima di utilizzarli.

In Italia la legge non vieta la schermatura salvo si tratti di auto altrui come nel caso della macchina aziendale. La schermatura del GPS della macchina aziendale può comportare il rischio di un licenziamento.

Si può tracciare un dipendente con un GPS?

Le apparecchiature GPS su autoveicoli aziendali sono considerate strumenti impiegati dal lavoratore per rendere la propria attività lavorativa se essenziali o funzionali per l’esecuzione dell’attività stessa o se il loro utilizzo è imposto da specifiche disposizioni normative di carattere legislativo o regolamentare (ad esempio: sistemi GPS per il trasporto di portavalori superiore a € 1.500.000,00). 

In tali casi, per la loro installazione, non è richiesto alcun accordo sindacale o alcuna autorizzazione da parte dell’Ispettorato [2]. Tuttavia è sempre bene, ai fini del rispetto della privacy, informare prima il lavoratore. 

Se, invece, il sistema di geolocalizzazione dei veicoli non è direttamente preordinato all’esecuzione della prestazione, ma utilizzato per rispondere ad esigenze ulteriori di carattere assicurativo, organizzativo, produttivo o per garantire la sicurezza del lavoro, è necessario sia l’accordo sindacale (o in sua assenza l’autorizzazione dell’ITL), sia la garanzia di riservatezza per i dipendenti [3]. 

Si può licenziare un dipendente per tracciamento dell’auto aziendale?

Il licenziamento intimato dal datore di lavoro basato sulle risultanze del sistema di geolocalizzazione dell’auto aziendale del dipendente è legittimo e la raccolta e il trattamento dei relativi dati non comportano una violazione dei diritti del lavoratore come sanciti dalla Convenzione dei Diritti dell’Uomo.

A stabilirlo, segnando un importante precedente su questa dibattuta tematica, è stata la sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo [1]. 

È la prima volta che la Corte Europea si pronuncia su un caso di sorveglianza sul lavoro attraverso il sistema di geolocalizzazione e fissa i criteri per il giusto bilanciamento tra il diritto del lavoratore al rispetto della sua vita privata e le prerogative del datore di lavoro in termini di controllo sul corretto impiego dei beni strumentali.

I Giudici della Corte Europea hanno respinto il ricorso di un lavoratore il cui percorso stradale, compiuto con l’auto aziendale, era stato tracciato dal datore di lavoro con un GPS e che, poste alcune anomalie del comportamento dallo stesso tenuto, era stato licenziato. La sentenza ha confermato, da un lato, che l’installazione di dispositivi di tracciamento satellitare, seppur costituiscono uno strumento che incide sul diritto alla privacy, è legittimo quando finalizzato al controllo dei lavoratori, al contenimento dei costi nonché all’accertamento di eventuali condotte illecite. Resta pur sempre dovuta l’informativa preventiva al lavoratore, al quale però il datore non deve chiedere alcuna autorizzazione. 

Anche i giudici italiani nonché il Garante della Privacy nazionale [4] hanno confermato tale orientamento. Leggi anche Gps sull’auto aziendale in uso ai dipendenti è legittimo


note

[1] CGUE sent. n. 26968/1616.

[2] Circ. INL 7 novembre 2016 n. 2.

[3] Garante Privacy provv. 16 marzo 2017 n. 138; Provv. Garante Privacy 24 maggio 2017 n. 247.

[4] Garante Privacy provv. n. 9023246/2018.


Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube