Questo sito contribuisce alla audience di
Diritto e Fisco | Articoli

Licenziamento per migliorare l’efficienza dell’azienda: è legittimo?

24 Gennaio 2023
Licenziamento per migliorare l’efficienza dell’azienda: è legittimo?

Cosa si intende per giustificato motivo oggettivo: per quali motivi si può licenziare un dipendente. 

È legittimo un licenziamento per migliorare l’efficienza dell’azienda seppure il fatturato non presenta alcuna flessione e non v’è indizio di crisi nella produzione? Di tanto si è occupata una recente ordinanza della Cassazione [1] che tuttavia ribadisce un orientamento ormai consolidatosi negli ultimi anni. 

È bene sapere, innanzitutto, quando si può licenziare un lavoratore dipendente. Oltre che per motivi disciplinari, si può licenziare un dipendente anche per motivi economici ossia collegati all’andamento dell’azienda. È ciò che si definisce «licenziamento per giustificato motivo oggettivo». Il giustificato motivo oggettivo ricorre quando non c’è alcuna una colpa o responsabilità del dipendente ma i motivi sono legati all’organizzazione aziendale, alla riduzione dell’attività, alla crisi economica, alla riorganizzazione del personale, alla necessità di razionalizzare i costi, alla cessazione di una mansione e così via.

La Cassazione sta ampliando il concetto di licenziamento per giustificato motivo oggettivo, includendovi tutte quelle ipotesi in cui il datore di lavoro intende evitare costi inutili o eccessivamente elevati. In altri termini si può licenziare anche quando l’azienda ha un fatturato in attivo e lo scopo è solo quello di aumentare gli utili. 

Ebbene, secondo la giurisprudenza, affinché si possa procedere a un licenziamento per giustificato motivo oggettivo è sufficiente che le ragioni inerenti all’attività produttiva e all’organizzazione del lavoro, comprese quelle dirette a una migliore efficienza gestionale o semplicemente a un incremento di redditività, determinino un effettivo mutamento dell’assetto organizzativo attraverso la soppressione di una posizione lavorativa. In buona sostanza, al fine di evitare che dietro la scusa di un licenziamento per incrementare l’efficienza si nasconda solo il tentativo di liberarsi di un dipendente scomodo o non più gradito, è necessario dimostrare che vi sia un oggettivo mutamento della struttura dell’organigramma, un riposizionamento dei ruoli o semplicemente la soppressione di una determinata mansione.

Non solo. Il datore che voglia difendersi in caso di impugnazione del licenziamento da parte del dipendente, deve dimostrare di non averlo potuto adibire ad altri compiti – anche di livello inferiore – che fossero compatibili con le sue capacità e conoscenze. È il cosiddetto repêchage.

È quindi legittima la scelta del datore di sciogliere un contratto di lavoro ove sussista l’esigenza, economicamente apprezzabile in termini di risparmio, della soppressione della figura di un lavoratore o di un dirigente in attuazione di un riassetto societario e sempre che non emerga, in base ad elementi oggettivi, la natura discriminatoria o contraria a buona fede della riorganizzazione. 

Il giudice non può sindacare nel merito la scelta del datore: non può cioè dire se convenga o meno conservare la mansione, ma deve limitarsi al controllo sull’effettività delle scelte imprenditoriali poste a base del licenziamento verificando se il riassetto sia effettivo o solo simulato. Insomma, il datore di lavoro è libero di licenziare per incrementare gli utili o migliorare l’organizzazione interna, ma non deve dire bugie. 


note

[1] Cass. ord. n. 1960/23 del 23.01.2023. «In tema di licenziamento per giustificato motivo oggettivo, è sufficiente, per la legittimità del recesso, che le addotte ragioni inerenti all’attività produttiva e all’organizzazione del lavoro, comprese quelle dirette a una migliore efficienza gestionale ovvero a un incremento di redditività, determinino un effettivo mutamento dell’assetto organizzativo attraverso la soppressione di un’individuata posizione lavorativa: non essendo la scelta imprenditoriale, che abbia comportato la soppressione del posto di lavoro, sindacabile nei suoi profili di congruità ed opportunità, in ossequio al disposto dell’art. 41 Cost.; sempre che, s’intende, dette ragioni incidano, in termini di causa efficiente, sulla posizione lavorativa ricoperta dal lavoratore licenziato, soltanto così non risultando il recesso pretestuoso».


Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube