Questo sito contribuisce alla audience di
Diritto e Fisco | Articoli

Bollette del telefono: ecco come cambiano

25 Gennaio 2023 | Autore:
Bollette del telefono: ecco come cambiano

Adeguamenti automatici e prezzi non più fissi ma variabili: la nuova strategia delle compagnie del telefono. 

Attenzione: se non l’hai già ricevuta in questi giorni, nelle prossime settimane potresti trovare, insieme alla bolletta del telefono, una comunicazione di estrema importanza da parte della tua compagnia telefonica, quella che ti sta fornendo la rete fissa, mobile e l’accesso a internet. Una comunicazione che potrebbe cambiare, a breve, gli importi delle bollette che non saranno più fissi come sino ad oggi sono stati, bensì variabili. 

Questa comunicazione è così importante che addirittura la questione è passata all’attenzione di tutte le associazioni di tutela dei consumatori, dell’Antitrust e dell’Autorità garante delle Comunicazioni. Si tratta di un cambiamento radicale, potremmo dire copernicano nella strategia delle compagnie telefoniche nel determinare le tariffe. 

Per ora la novità riguarda solo Wind, Tre e Tim, quest’ultima per quanto riguarda il telefono fisso. Ad oggi non hanno seguito la stessa strada Vodafone, Fastweb e Iliad, anche se non è escluso che cambino idea nelle prossime settimane.

Che hanno fatto queste compagnie del telefono? Stanno comunicando modifiche sulle condizioni dei propri contratti, sia nuovi che in essere per garantirsi la possibilità, a partire dal 1° gennaio 2024, di modificare in qualsiasi momento le tariffe applicate ai loro servizi, adeguandoli al tasso annuale di inflazione Istat.

La modifica prevede quindi che il canone della bolletta aumenterà in automatico con l’inflazione, anche senza previa comunicazione all’utente. Il quale quindi si troverà una bolletta “fluttuante” e non più sempre uguale com’è stato sino ad oggi. 

Ma la cosa più allarmante è che, trattandosi non già di una modifica unilaterale del contratto da parte della società telefonica, ma solo di un adeguamento al costo della vita non sarà possibile esercitare il diritto di recesso. Peccato che l’adeguamento non è irrisorio visto che, come noto, in questi tempi stiamo facendo i conti con una inflazione all’11%.

Le modifiche sono riportate nel sito Tim (riferite alle offerte di telefonia fissa “Internet Senza Limiti Premium”; Tutto Senza Limiti Premium; “Tutto Premium” e “Smart Premium”) e in quello di Wind Tre (riguardo a fisso e mobile). Nel sito Tim si legge che il canone «sarà incrementato, con cadenza annuale, in misura percentuale pari all’indice di inflazione (Ipca) rilevato dall’Istat, senza però tenere conto di eventuali valori negativi dello stesso, maggiorato di un coefficiente pari a 3,5 punti percentuali. Il che significa che se l’inflazione sale, la bolletta cresce ma se l’inflazione scende la bolletta resta la stessa. 

Gli aumenti scatteranno da aprile 2024. Cosa possono fare nel frattempo gli utenti? Per ora possono solo recedere dal contratto entro il 31 marzo 2023 e magari optare per una compagnia che non ha ancora inserito nei propri contratti la clausola di adeguamento all’inflazione. 

Le associazioni dei consumatori promettono battaglia. E chiedono al governo di «eliminare gli aumenti tariffari». 



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube