Questo sito contribuisce alla audience di
Business | Articoli

Cosa sono i crediti deteriorati?

1 Febbraio 2023 | Autore:
Cosa sono i crediti deteriorati?

Cosa sono i NPL, non performing loan e come influiscono sulla crisi economica di uno Stato.

I crediti deteriorati sono un concetto importante nell’ambito finanziario e bancario. Ma cosa sono i crediti deteriorati nello specifico? Anche se il concetto, a prima vista, può apparire particolarmente tecnico e difficile da comprendere, non è in realtà così. Ecco cosa c’è da sapere sull’argomento.

Cos’è un credito deteriorato 

Un credito deteriorato, noto anche come sofferenza o non performing loan (NPL), è un prestito concesso da un Istituto di Credito che non è stato restituito in modo regolare o non è stato pagato secondo le condizioni concordate nel contratto tra il finanziatore e il soggetto finanziato (ossia tra banca e cliente.

Quindi, tanto per fare un esempio, il credito deteriorato non è altro che un mutuo concesso dalla banca a un privato o un’azienda per l’acquisto di una casa, un capannone, per un investimento, ecc., che poi non è stato restituito per come previsto dalle condizioni contrattuali. Sicché si tratta di un credito che la banca difficilmente riesce a riscuotere, creando un buco nel bilancio dell’istituto finanziario. Il problema per il creditore – che eroga spesso finanziamenti e non può permettersi che molti di questi restino insoluti – è gestire la perdita nel modo più indolore (vedremo a breve come le banche agiscono in questi casi).

Perché un credito deteriorato è un problema per un sistema economico?

I crediti deteriorati sono un problema per le banche e le istituzioni finanziarie, poiché rappresentano una minaccia per la stabilità finanziaria e per i loro profitti; le banche possono avere infatti difficoltà a coprire le perdite derivanti da prestiti non restituiti. E sulle banche spesso si basa l’economia di un intero Stato. Non bisogna infatti dimenticare che le banche sono i principali acquirenti del debito pubblico e grazie ad essi lo Stato può finanziare la spesa pubblica. Se una banca entra in crisi, il più delle volte questa si riflette anche sull’economia nazionale.

Perché un credito diventa deteriorato?

Ci sono diverse ragioni per cui un prestito può diventare deteriorato. Ad esempio, può essere causato da un calo dei redditi del soggetto finanziario, da un aumento dei tassi di interesse o da una situazione economica negativa a livello nazionale o globale.

Come le banche risolvono il problema dei crediti deteriorati?

Le banche e le istituzioni finanziarie hanno diverse opzioni per gestire i crediti deteriorati, tra cui la 

  • ristrutturazione del prestito: ossia attraverso la concessione al debitore di un ulteriore prestito a condizioni più vantaggiose in modo da coprire, con tale denaro, il prestito precedente ed estinguerlo per poi dilazionare il nuovo mutuo in modo sostenibile; 
  • la vendita a un terzo del prestito: in questo modo la banca recupera una minima parte del credito, riducendo la perdita e l’acquirente potrà recuperare il credito dal debitore accontentandosi di un piano di rientro molto al di sotto del debito iniziale (essendo questo stato pagato a un prezzo molto basso, di norma non oltre il 30%);
  • la gestione attraverso una società specializzata di recupero credito;
  • la cartolarizzazione.

La cartolarizzazione dei crediti deteriorati: cos’è?

Per gestire i propri NPL, le banche spesso ricorrono anche alla cartolarizzazione. La cartolarizzazione consiste nel trasformare i crediti deteriorati in strumenti finanziari negoziabili, come ad esempio obbligazioni che poi vengono vendute a risparmiatori che intendono investire o comunque ricavare un minimo utile. Questo permette alle banche di trasferire i rischi associati ai prestiti non performing a investitori esterni, ottenendo in cambio liquidità. 

Tuttavia, la cartolarizzazione dei crediti deteriorati può comportare una crisi finanziaria per uno Stato. Se un gran numero di prestiti non viene ripagato, ciò può causare una contrazione del credito, aumentare il costo del denaro e ripercuotersi negativamente sulla crescita economica. Inoltre, la cartolarizzazione dei crediti deteriorati può aumentare la vulnerabilità del sistema finanziario a eventuali shock, poiché gli investitori potrebbero ritirare i loro fondi in caso di incertezza. È quanto successo tra il 2007 e il 2008 negli Stati Uniti e poi arrivato in Europa con la crisi dei subprime. Questa crisi economica è stata determinata proprio dalla cartolarizzazione di crediti non riscossi delle banche a privati cittadini che avevano sperato di fare buoni investimenti, spinti dalle stesse banche.

In conclusione 

In conclusione, i crediti deteriorati sono una questione importante nell’ambito finanziario e bancario, poiché rappresentano una minaccia per la stabilità finanziaria e per i profitti delle banche e delle istituzioni finanziarie. La gestione efficiente di questi crediti è fondamentale per la salute finanziaria di queste organizzazioni e per la stabilità del sistema finanziario in generale.



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube