Diritto e Fisco | Articoli

Cani e gatti nei condomini

13 Febbraio 2012
Cani e gatti nei condomini

Cani e gatti non sono considerati animali rumorosi; pertanto, anche se il regolamento di condominio, in generale vieta di tenere negli appartamenti animali che disturbino la quiete, bisogna comunque valutare caso per caso se vi sia un reale pregiudizio.

Affinché un regolamento di condominio possa impedire ai condomini di possedere animali molesti è necessario che esso sia di tipo “contrattuale”, cioè approvato all’unanimità (ne abbiamo parlato qua https://www.laleggepertutti.it/animali-e-condominio-l’assemblea-puo-limitare-il-diritto-di-tenere-animali-in-casa/).

Anche in questi casi, tuttavia, il condominio non può vietare a priori, al proprietario dell’appartamento, il possesso di un cane o di un gatto. È necessario verificare se, nel concreto, tali animali arrechino pregiudizio alla collettività dei condomini [1]. In altre parole, è necessario che il cane o il gatto produca rumori tali da creare disturbi o malesseri “oltre la normale tollerabilità”, cioè a persone di media sopportazione (e non a persone particolarmente sensibili o insofferenti).

Una regola speciale, però, secondo il tribunale di Foggia [2], vige per i pitbull. Tale razza è infatti inclusa nell’elenco dei “cani potenzialmente pericolosi”, ai sensi dell’ordinanza del Ministero della Salute del 9.09.2003 (a causa della loro “tendenza alla scarsa socializzazione, in grado di influenzare atteggiamenti di aggressività verso persone e/o altri animali”) e, pertanto, basta la semplice previsione nel regolamento condominiale che vieti animali pericolosi o molesti, per chiederne l’allontanamento, a prescindere dal fatto che poi, nel caso specifico, che essi determinino immissioni rumorose.

In ogni caso, ferma restando la tutela civilistica del risarcimento del danno, non ricorre il reato di disturbo della quiete pubblica se l’animale crea molestia a un solo vicino. Perché ricorra l’illecito penale è infatti necessario che a lamentarsi siano “una pluralità di persone[3] e non un solo nucleo familiare.

Infine, se un vicino rivela, solo a parole, l’intenzione di nuocere al cane o al gatto altrui (anche con semplici velate minacce riferite a polpette avvelenate), è possibile denunciarlo, anche se non abbia ancora commesso il fatto [4].

La foto del presente articolo è un’opera artistica di Dantemanuele De Santis, DS Photostudio, ©. Ogni riproduzione riservata.



note

[1] Pret. Campobasso sent. 12.04.1990.

[2] Precedente del Tribunale di Foggia, richiamato in questo articolo www.overlex.com/leggiarticolo.asp?id=2648

[3] Cass. sent. n. 1349/2000.

[4] Delitto di minaccia ex art. 612 c.p. che punisce, a querela della persona offesa, “chiunque minacci ad altri un danno ingiusto”, in relazione all’art. 544-bis c.. (uccisione di animali).


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

3 Commenti

  1. Salve
    La mia domanda : qualora i condomini chiedono l’allontanamento del animale che disturba, nelle modalità previste, a il proprietario, nell non tenere più il cane con sè nell’appartamento, o luogo dir si voglia, la legge prevede queste modalità. L’allontanamento in che consiste?
    Grazie

    1. L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

      Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi al portale https://www.laleggepertutti.it. Sul menu di sinistra troverà, sotto la voce rossa “servizi”, l’opzione “Richiedi consulenza”.
      Lo stesso risultato si può raggiungere cliccando sulla scritta, posta sopra ogni articolo, “Richiedi consulenza su questo argomento”.

      A quel punto, il sistema La guiderà nel pagamento attraverso carta di credito, Paypal o Postepay.

      Si tratta di un’operazione molto semplice e dal modico prezzo (euro 29,00 iva compresa) che ci consente di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

Rispondi a Redazione Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube