Diritto e Fisco | Articoli

Affiggere foto hot dell’ex non è sempre diffamazione

12 Febbraio 2012
Affiggere foto hot dell’ex non è sempre diffamazione

Reato di diffamazione solo se la foto che ritrae la persona in momenti di intimità viene vista da una pluralità di persone.

Affiggere in luoghi pubblici o aperti al pubblico immagini che immortalano una persona in momenti intimi, costituisce diffamazione [1] solo se la foto viene vista da una pluralità di persone. Lo ha decretato la Corte di Cassazione in una recente sentenza [2].

La “diffamazione” implica la “diffusione” di una notizia o di un’immagine. Nel concetto di “diffusione”, a sua volta, è contenuta l’idea di una pluralità di destinatari. Se tale pluralità, nel caso concreto, manca, non vi può neanche essere “diffusione” e quindi “diffamazione”. Pertanto, affiggere una fotografia privata, senza però che nel caso concreto nessuno la veda, non integra il reato di diffamazione.

Il caso deciso dalla Cassazione ha ad oggetto la condotta di un uomo che ha affisso, sul pianerottolo di casa della ex moglie, una immagine di quest’ultima intenta a consumare un rapporto sessuale.

La donna ha così denunciato l’ex marito per diffamazione e violenza privata [3]. Secondo però la Cassazione, il reato di diffamazione sussiste solo quando “dell’atteggiamento lesivo dell’altrui reputazione i terzi ne apprendano conoscenza”.

E giacché – ad avviso dei giudici di ultimo grado – nel caso di specie non sussistevano prove sufficienti che i terzi avessero avuto conoscenza della foto hot, l’imputato è stato assolto.

Sulla scia di tale ragionamento è stato dichiarato insussistente anche il reato di violenza privata [4].


note

[1] Art. 595 c.p.

[2] Cass. sent. n. 3221 del 26 gennaio 2012.

[3] Art. 610 c.p.

[4] In particolare, nella sentenza si precisa che, data l’impossibilità di provare che della foto diffamatoria ne avessero avuto conoscenza anche terzi, per logica conseguenza l’imputato non poteva ritenersi responsabile a titolo di violenza privata per aver affisso la foto incriminata, anche e sopratutto per costringere la donna a tornare con sé.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube