Business | Articoli

Auto aziendali: noleggio a lungo termine o acquisto?

19 Marzo 2016
Auto aziendali: noleggio a lungo termine o acquisto?

Ecco qualche calcolo per orientarci rispetto alle opportunità che offre il mercato delle auto, per la nostra flotta aziendale o per l’acquisto da privato.

I costi di acquisto delle auto non sono limitati al mezzo in sé ma comprendono dei costi di manutenzione e mantenimento che rendono il processo di scelta del mezzo e delle modalità di acquisto sempre più complicato.

Tra le alternative all’acquisto dell’auto si va facendo sempre più “strada” – è proprio il caso di dire – il noleggio a lungo termine, una formula utilizzata principalmente dalle aziende, che inizia ad essere oggi apprezzata anche dai privati e dai liberi professionisti.

Cosa vuol dire Noleggio a lungo termine?

Il noleggio a lungo termine è un tipo di contratto che prevede una forma di abbonamento mensile per l’utilizzo dell’auto. Il noleggio non comporta costi di manutenzione né – generalmente – costi di assicurazione.
Il noleggio si sostanzia in un contratto a canone fisso, che generalmente varia dai 2 ai 5 anni. Il canone varia in relazione ai chilometri che si prevede si debbano effettuare per ogni anno e dalla tipologia di auto presa in considerazione (generalmente le categorie sono 3 berlina, ammiraglia, utilitaria).

Naturalmente ha anche importanza la casa produttrice dell’auto che sceglieremo.
Per quanto riguarda i costi del noleggio a lungo termine, come dicevamo, non sono previsti costi di manutenzione e oltre a quanto pattuito sul contratto si devono aggiungere generalmente solo i costi di carburante. Potrebbe tuttavia essere prevista una penale (o meglio un costo aggiuntivo) nel caso in cui il chilometraggio ecceda quello pattuito.

Garanzie del Noleggio a lungo termine

Il Noleggio a lungo termine generalmente prevede le seguenti garanzie incluse nel costo:
-assicurazione RCA (solitamente con incendio e furto)
-assistenza telefonica per compilare i moduli di costatazione amichevole in caso di incidente
-gestione del sinistro
-assistenza stradale post-incidente
-auto sostitutiva durante il periodo di riparazione
-soccorso e assistenza stradale in caso di guasti
-tassa automobilistica (bollo auto)
-manutenzione ordinaria e straordinaria (per i tagliandi previsti dalla casa madre e per i guasti ordinari e straordinari)
-sostituzione pneumatici estivi e invernali (si consiglia di stabilire il servizio in precedenza comprensivo dei servizi connessi come la convergenza e l’equilibratura).

Quanto costa il Noleggio a lungo termine

Il noleggio a lungo termine ha dei costi che sono generalmente inferiori all’acquisto dell’auto, ovviamente, ma come vedremo, si tratta di una scelta da ponderare.
Ecco un esempio pratico.
Prendiamo il caso di una golf 1.6 TDI, dunque una berlina compatta di cilindrata media. Il costo da listino si aggira generalmente attorno a 20-21mila euro.
Consideriamo ora il costo di mantenimento su 3 anni e per 60mila chilometri. Prevedibilmente dovremmo tenere conto di:
assicurazione: per circa 700 euro annue per un totale di 2.100 euro sui tre anni
bollo auto per un totale di circa 600 euro sui tre anni
manutenzione con tagliandi ogni 20mila km, per circa 250 euro a tagliando consideriamo un costo totale di 750 euro
pneumatici + equilibratura e convergenza: 2 cambi l’anno per un totale di 120 euro a cui va aggiunto il costo dei quattro pneumatici invernali (che ovviamente non sono in dotazione con l’auto nuova), e quello della relativa equilibratura e convergenza, ad un costo di circa 700 euro per un totale di 820 euro.

Il costo dell’acquisto dell’auto in 3 anni viene dunque maggiorato di 4.270 euro. Se a questi aggiungiamo il costo dell’auto otterremo un totale di 25.270 euro.

Il costo del noleggio a lungo termine per la medesima auto con la stessa cilindrata, considerato per 3 anni, per una percorrenza di 60mila km è in media di 400 euro al mese cui va aggiunta un anticipo non rimborsabile di 3mila euro. Dunque il costo con il noleggio a lungo termine è di circa 17.400 euro.

Come si vede la differenza è abbastanza rilevante, ma è evidente che nel primo caso al termine dei tre anni avremo un’auto il cui valore residuo sarà ancora piuttosto alto. Se facciamo una ricerca difatti scopriremo che l’auto considerata, dopo 3 anni, con 180mila chilometri di percorrenza vale circa 8mila euro.

Non è un caso che tale costo sia molto simile alla differenza che intercorre tra l’acquisto dell’auto e il suo sfruttamento per tre anni e il noleggio a lungo termine. I prezzi stabiliti dalle agenzia di noleggio tengono conto proprio di questi parametri.
Inoltre ci sono alcune altre variabili da tenere in conto quando si decide, ad esempio:

– l’auto posseduta potrebbe essere sopravvalutata dalla concessionaria in caso di acquisto di nuovo mezzo;
– se anziché acquistare l’auto nuova la si acquista a KM0 allora il costo non è più quello di listino.

Per altro verso bisogna tenere presente che il noleggio a lungo termine è un servizio e come tale può essere deducibile dalle tasse – per i titolari di partita iva questa deducibilità è di un 20% per un ammontare massimo di 3.615,20 euro per le auto ed è riferito al solo canone di noleggio (non comprende dunque i costi per le prestazioni accessorie).
Per le società che concedono invece l’auto in uso promiscuo ai dipendenti la deduzione dei costi arriva al 70%. Per i veicoli usati invece da agenti di commercio all’80%.

Se è vero che la deducibilità e la detraibilità delle spese per l’auto è prevista anche nel caso dell’uso del mezzo proprio, bisogna anche dire che la gestione fiscale del veicolo a noleggio è più semplice, visto che in un’unica fattura, mensilmente, si raccolgono tutte le spese relative a manutenzione, assicurazioni, canoni, bollo e quant’altro. Tutte spese che nel caso dell’auto personale dovranno essere raccolte e presentate in dichiarazione dal contribuente.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube