Diritto e Fisco | Articoli

Licenziamento della lavoratrice incinta dopo il periodo di prova

13 Febbraio 2012
Licenziamento della lavoratrice incinta dopo il periodo di prova

Se il periodo di prova è terminato con esito negativo, la lavoratrice può essere legittimamente licenziata anche se incinta, a meno che ella non provi che si è trattato di licenziamento discriminatorio.

Dopo il periodo di prova, anche se incinta, la lavoratrice può essere licenziata senza obbligo di motivazione.

La dipendente che voglia impugnare tale licenziamento dovrà dimostrare la natura discriminatoria della scelta operata dal datore di lavoro proprio per via del suo stato di gravidanza.

Se tale prova però non viene raggiunta, il licenziamento è legittimo [1].

In generale, infatti, la legge vieta il licenziamento della lavoratrice in gravidanza, fino al compimento di un anno di età del bambino [2].

Tuttavia, nel caso di periodo di prova, tale divieto non opera se il licenziamento dipenda dall’esito negativo della prova medesima [3]. Opera invece se il licenziamento avvenga per motivo discriminatorio legato allo stato di gravidanza. In tal caso, è necessario provare anche che il datore di lavoro fosse a conoscenza che la lavoratrice era incinta.




note

[1] Cass. sent. n. 2010 del 13.02.2012.

[2] Art. 58 del Dlgs. 151/2001.

[3] Resta fermo il divieto di discriminazione di cui all’articolo 4 della legge 10 aprile 1991, n. 125, e successive modificazioni.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. il problema a mio parere non si pone tanto in questa ipotesi, visto che appunto è troppo semplice, per il datore che non voglia assumere, dimostrare che il periodo di prova ha avuto esito negativo… bisognerebbe affrontare la non rara ipotesi delle lavoratrici dipendenti che vengono licenziate o, più spesso, mobizzate e spinte alle dimissioni che hanno deciso di avere un figlio e di godere della maternità, prevista dalla legge…

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube