Diritto e Fisco | Articoli

Tradimenti in chat: legittimo l’addebito della separazione

14 Febbraio 2012
Tradimenti in chat: legittimo l’addebito della separazione

Basta il tradimento virtuale per vedersi addebitare la separazione: si tratta pur sempre di violazione del dovere di fedeltà coniugale.

Anche il tradimento virtuale può costituire addebito della separazione per violazione del dovere di fedeltà.

La Cassazione ha infatti stabilito a più riprese che, nel contesto odierno, la fedeltà deve essere intesa in un senso più ampio e impegna i coniugi a non tradire la fiducia reciproca neppure “mentalmente” [1].

A prescindere dal rapporto sessuale intrattenuto con terzi o dall’eventuale contatto fisico, anche la chat erotica o la semplice infatuazione o ancora l’amore platonico nato su internet costituiscono, secondo i giudici, ipotesi di tradimento della fiducia amorosa [2] e, perciò, valgono a rendere il coniuge responsabile della separazione [3].

Insomma, l’adulterio apparente vale quanto un autentico tradimento. Tuttavia, nella valutazione dell’addebito, il tribunale deve comunque accertare che la violazione della fiducia abbia portato effettivamente alla crisi dell’unione familiare, incrinando il rapporto e ledendo la dignità e l’onore del coniuge tradito.

di NICOLA POSTERARO


note

[1] Cass. sent. n. 9287 del 1997: “la fiducia reciproca (…) non deve essere intesa soltanto come astensione da relazioni sessuali extraconiugali”.

[2] Si veda, a questo proposito, quanto stabilito dalla Cass. pen. 2 febbraio 1972, secondo la quale la fedeltà si estrinseca nel dovere di astensione non soltanto da rapporti sessuali con terzi, ma anche da relazioni puramente platoniche (sulla stessa scia: Trib. S. Maria Capua Vetere 9 dicembre 1997; Cass. 14 aprile 1994, n. 3511; Corte App. Perugia, 28 settembre 1994).

[3] Cass. sent. n. 9742/1999.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube