Diritto e Fisco | Articoli

Multe: tutti i termini aggiornati per la notifica, il ricorso e le altre comunicazioni

20 gennaio 2015


Multe: tutti i termini aggiornati per la notifica, il ricorso e le altre comunicazioni

> Diritto e Fisco Pubblicato il 20 gennaio 2015



Violazioni del codice della strada e contravvenzioni: tutti i termini per impugnare, contestare e comunicare i dati del conducente.

Ecco tutti i termini che bisogna sapere in materia di multe stradali:

1. La multa stradale deve essere notificata al trasgressore (o presunto tale dall’Autorità) entro 90 giorni dalla data dell’infrazione (360 se risiede all’estero);

2. Se invece la multa è stata contestata immediatamente al conducente/trasgressore, l’Amministrazione ha 100 giorni per la notifica al proprietario/responsabile in solido;

3. Nei 60 giorni dalla comunicazione della contravvenzione il conducente deve fornire i dati dell’effettivo conducente, solo se ciò gli viene richiesto nel verbale medesimo.

4. Il Prefetto ha 210 giorni per pronunciarsi sul ricorso presentato a lui con deposito in Prefettura o invio a mezzo raccomandata (in particolare, entro 30 giorni deve inviare la richiesta all’Organo accertatore; entro 60 giorni deve effettuare l’istruttoria; entro 120 giorni deve emanare il provvedimento). Ma se il ricorso è stato presentato dall’Organo elevatore la multa, il Prefetto gode di soli 180 giorni;

4. Il Prefetto ha 90 giorni per comunicare l’esito del ricorso (360 giorni in caso di residenza all’estero);

5. La cartella esattoriale, in caso di mancato pagamento della multa, va notificata entro 5 anni dalla notifica della contravvenzione;

6. Entro 5 giorni dalla comunicazione della contravvenzione, il trasgressore può effettuare il pagamento super-ridotto, con decurtazione del 30% della contravvenzione.

7. Entro 30 giorni dalla comunicazione del verbale, il trasgressore può decidere se

a) effettuare il pagamento in misura ridotta (diversamente, scatteranno le more);

b) fare ricorso al giudice di pace;

8. Entro 60 giorni dalla comunicazione del verbale, il trasgressore può fare ricorso al Prefetto;

9. In caso di rigetto del ricorso da parte del Prefetto, il trasgressore, entro 30 giorni dalla notifica della reiezione, può presentare ricorso al Giudice di Pace, sempre che non ritenga di dover pagare quanto ingiunto.

Ricordiamo che, a seguito di una recente sentenza della Cassazione, attualmente non solo il Prefetto, ma anche il Giudice di Pace può, in caso di rigetto del ricorso, aumentare – purché entro il massimo edittale – la multa comminata dall’Agente accertatore.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

7 Commenti

  1. una multa per sosta vietata dopo quanto tempo viene annullata se non si trova o non si riesce a mandarla al proprietario del mezzo?grazie per una eventuale risposta.

  2. Invece che legge per tutti si potrebbe intitolare la legge per loro. Infatti il solo ricorso che si può fare contro le multe è di riunirsi come popolo e fargli cambiare la testa di hitler che hanno sviluppato. Infatti si permettono macchine parcheggiate a fianco dei muri in vie che pare a loro e poi fanno multe per parcheggi sbagliati dove pare a loro. Dobbiamo forzarli ad andare a fare l’esame della patente quando fanno omissioni di atti di ufficio come quelle omissioni che fanno ogni giorno verso i motociclisti. Per quale motivo? Forse perchè ci sono troppe belle ragazzette in motocicletta o motorino. Ma per favore! Questa è una farsa politica per dominare chi è amico dei giudei nei mass-media in modo da lasciarli morti di fame e senza auto, senza casa e senza lavoro.

  3. perche non posso multare io il comune quando mi e’ stato mandato una multa per divieto di svolta 6 mesi dopo il fatto? Malafede/incompetenza/frode/truffa

  4. Salve. Volevo sapere come comportarmi in questa circostanza:
    Ho violato il codice della strada per eccesso di velocità il giorno 27\5\2015
    La polizia municipale ha verbalizzato il giorno 27\5\2015
    Mi è arrivata la multa a casa il giorno 12\6\2015
    Ho pagato la multa il giorno 15\6\2015
    (senza comunicare i dati del conducente,in quanto erroneamente ritenevo che essendo io stesso alla guida,non fosse necessario)

    La polizia municipale ha verbalizzato il giorno 2\11\2015
    La multa mi è arrivata 16\11\2015
    (questa seconda multa è inerente alla mancata dichiarazione del conducente della multa precedente)

    Ho letto che la Corte di Cassazione ha dichiarato che nel caso la multa,per omessa comunicazione dei dati del conducente,non sia notificata entro il termine di 150 giorni ( 60 + 90 ) dalla notifica del primo verbale, tale multa risulta nulla. Per far valere la nullità del verbale va fatto ricorso al Prefetto oppure Giudice di Pace.
    Nel mio caso sono ben oltre i 150 giorni,dunque il secondo verbale risulterebbe nullo.

    Dunque mi domandavo,in questo caso è giusto fare ricorso?Grazie per l’attenzione.
    Distinti saluti.

  5. buongiorno, mi e’ pervenuta una contravvenzione al cds. ove mi comunicano ,che non ho fornito i dati di chi effettivamente avrebbe commessi l’infrazione. domanda, io, non ho mai ricevuto la notifica precedente, quindi non sapevo di tale contravvenzione, mi sono recato al comando di polizia locale del comune emittente, mi e’ stata data la copia della cartolina, con in piu’ la seconda notifica, ma senza sapere a cosa si riferisse, ripeto io non ho mai trovato questi avvissi nella cassetta della posta, come mi devo comportare? posso fare ricorso? anche perche’ non so quando effettivamente ho commesso l’infrazione, grazie x la risposta.

  6. volevo solo fare presente che NESSUNO, nessuno, contesta la contravvenzione per uso del cellulare durante la guida, anche negli incroci e siili condizioni pericolose….io stesso mi stavo spiaccicando contro un tir che, non dando la precedenza, si era improvvisamente fermato al centro della strada principale ostruendola completamente perchè con una sola mano non riusciva a girare il volante!!!! Nell’altra mano aveva in cellulare e stava parlando! Ma ci rendiamo conto! Bloccarsi al centro della carreggiata e ostruire completamente la strada!!!! Da pazzi…..ma tanto ormai si contestano solo i diveti di sosta e di velocita! I motociclisti che regolarmente superano a destra, negli incroci, che sorpassano poi ti si mettono davanti e se nn freni prontamente te li ritrovi sul cofano, le gincane degli scooters……..ma non è ora che le forze dell’aordine la smettano di non VRDERE queste infrazioni????? Muore della gente per la guida parlando al cellulare!!! E mai nessuno che si ribelli denunciando le forze dell’ordine per omissione di atti d’ufficio!!!! Che Italia abbiamo ridotto?????????

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI