Business | Articoli

Assicurazione RCA: sconti per scatola nera e zone a rischio

24 Marzo 2016
Assicurazione RCA: sconti per scatola nera e zone a rischio

Sconti obbligatori RCA per gli automobilisti virtuosi delle provincie a rischio e bonus per chi installa una scatola nera.Qualche dubbio sui testimoni.

Il DDL concorrenza introduce nel settore assicurazioni una serie di sconti che diventeranno obbligatori nel prossimo futuro. Contenuti nel primo pacchetto di emendamenti al DDL pare che su tali norme ci sia la verosimile possibilità di trovare un accordo, ciò si tradurrà prevedibilmente in un generale abbassamento dei prezzi delle polizze RCA.

Vediamo i dettagli delle proposte.

Sconti RCA nelle provincie più a rischio

Saranno scontati i premi assicurativi per coloro i quali vivendo nelle provincie più a rischio si comportino in maniera virtuosa. I riferimenti relativi a quali siano le provincie inserite in questa lista nera saranno offerti dall’Istituto sulla Vigilanza delle Assicurazioni che avrà il compito di mantenere quella lista aggiornata. Se la vostra provincia non è ricompresa, dunque, non disperate perché non vuol dire che non lo sia in futuro.

Gli sconti saranno garantiti agli automobilisti che negli ultimi 4 anni non hanno provocato incidenti in quelle città o province che siano state nel tempo caratterizzate da un numero di incidenti particolarmente alto e di conseguenza dai premi assicurativi più alti.

Sconti anche in caso di Ispezione

Chi permetterà alle assicurazioni di ispezionare il veicolo avrà la possibilità anche in questo caso di usufruire di uno sconto sul premio.

Sulla scatola nera decidono le assicurazioni

Le compagnie avranno il compito di stabilire quali siano le percentuali minime degli “sconti generici obbligatori” per quegli automobilisti che dovessero decidere di installare una black box ovvero una scatola nera. In questo senso si registra una sorta di arretramento, perché se sino ad ora era l’IVASS a definire questa scontistica ora all’istituto di vigilanza resterà il solo compito di definire quali siano i criteri legati ai processi di definizione della tariffa. L’IVASS insomma farà solo da arbitro e garantirà che i criteri sui quali la scontistica viene definita siano adeguati.

Multe raddoppiate alle assicurazioni che non si adeguano

Ciò non toglie che l’obbligo delle assicurazioni nel conferire lo sconto sia assoluto. Sono difatti previste multe abbastanza significative per chi non dovesse adeguarsi, da 10mila a 80mila euro, importi che rispetto al passato sono addirittura raddoppiati. È prevedibile dunque che il sistema si adegui e con un’autoregolamentazione del mercato i provvedimenti diventino presto operativi.

Mantenimento della Classe di merito

L’automobilista infine – come già previsto dalle variazioni al DDL approvate lo scorso mese – avrà la possibilità di mantenere la propria classe di merito pur variando da un’assicurazione all’altra. Si pone dunque fine al problema delle classi interne differenti tra una compagnia e l’altra, per omogeneizzare il sistema di comparazione attraverso il mantenimento non solo della categoria universale (da 1 a 18) ma anche delle sottoclassi.

Cambiamenti anche per i testimoni

I testimoni dovranno essere indicati sin dalla prima denuncia di sinistro o dal primo atto formale del danneggiato nei confronti dell’impresa assicuratrice; è dunque necessario che essi appaiano ad esempio nel modulo di costatazione amichevole, o nel foglio di denuncia,  non potendo altrimenti essere considerati all’interno di un eventuale procedimento. Sul punto l’Organismo Unitario dell’Avvocatura sottolinea che tale emendamento si rivelerebbe contrario a quanto previsto dal codice di procedura civile relativamente alla possibilità di indicare i testimoni nei termini di legge.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube