Business | Articoli

Aste giudiziarie: come partecipare, in presenza e online

29 Marzo 2016
Aste giudiziarie: come partecipare, in presenza e online

La guida alle aste giudiziarie immobiliari: come partecipare in presenza e online, quanto costa non presentarsi, l’aggiudicazione, la riapertura, l’asta deserta

La crisi economica colpisce e il mercato immobiliare anche se lentamente comincia a risalire la china. Allo stesso tempo, si sta verificando un progressivo incremento delle aste giudiziarie che della crisi è diretta conseguenza.

Come è noto l’acquisto all’asta dell’immobile può risultare certamente molto conveniente. Il costo difatti si abbassa di un 25% per ogni volta che l’asta va deserta.

Chi fosse interessato a partecipare ad un’asta, dovrebbe tuttavia conoscere alcuni passaggi fondamentali. In questa guida vi diamo tutti i dettagli relativi alle aste in presenza e online.

Come si partecipa a un’asta giudiziaria?

Il primo passaggio per partecipare ad un’asta giudiziaria è prendere visione di tutti i documenti relativi all’immobile, resi disponibili presso la cancelleria del tribunale o dal professionista incaricato della gestione dell’asta stessa o, naturalmente, su internet.

Sarà opportuno prender visione dei dati catastali, della planimetria, dello stato di fatto e le eventuali irregolarità, tenendo conto della sanabilità delle stesse.

È inoltre utile conoscere vincoli e servitù e i debiti collegati, oltre che, naturalmente, sincerarsi se l’immobile sia occupato o libero.

È possibile visitare un immobile all’asta?

Naturalmente, per essere a conoscenza dello stato dell’immobile, non c’è niente di meglio che effettuare una visita. Ciò è possibile previo accordo con il custode giudiziario nominato dal tribunale.

Come presentare domanda di partecipazione ad un’asta giudiziaria?

Nel caso di asta senza incanto, per presentare domanda, è necessario presentarsi nel giorno e nel luogo indicati nell’avviso di vendita, con un’offerta in busta chiusa che non presenti segni di riconoscimento. La busta dovrà contenere l’indicazione del prezzo offerto oltre ad una cauzione pari al 10% dell’importo a base d’asta. Inoltre l’avviso potrebbe richiedere altri documenti, da inserire anch’essi all’interno della busta.

Ma può anche essere che l’avviso preveda un’offerta con pubblico incanto. In questo caso l’interessato deve presentare la domanda, la cauzione e i documenti. Poi ogni partecipante dovrà trovarsi nel luogo indicato per l’esecuzione della procedura di pubblico incanto.

Quando si assegna l’asta con una sola offerta?

Nel caso in cui l’offerta sia unica e sia superiore ad 1/5 del prezzo base si può comunque procedere all’operazione di assegnazione immediata. Se ad esempio il prezzo a base d’asta è di 100mila euro allora sarà eseguita l’assegnazione in presenza di un’offerta di 120mila euro. Con un’offerta inferiore a tale importo l’aggiudicazione può essere rifiutata dal creditore procedente.

La gara nel pubblico incanto

Nel caso in cui le offerte siano più di una, si effettua una gara. Per definire il prezzo di partenza si sceglie l’offerta più alta. Il rilancio minimo viene indicato all’interno dell’avviso. Non possono passare più di 3 minuti tra un’offerta e l’altra, al trascorrere di questo tempo difatti la gara viene assegnata.

Entro i 10 giorni successivi può essere presentata un’offerta aumentata di 1/5 del prezzo di aggiudicazione. Si apre dunque una seconda gara alla quale partecipano oltre che l’offerente anche gli altri concorrenti che decidano di versare la caparra obbligatoria pari al doppio dell’importo versato in origine.

Cosa succede se non ci si presenta all’asta?

Nel caso in cui non ci si presenti all’asta al momento indicato la caparra versata (nella misura del 10%, come abbiamo visto), non viene versata interamente ma solo per i 9/10 dell’importo, ovvero al 90%.

Entro quando va versato l’importo di aggiudicazione

Il termine per il versamento del saldo del prezzo di aggiudicazione, detratta la cauzione, viene fissato dall’avviso di asta. E’ possibile richiedere un mutuo, il cui contratto con la relativa ipoteca, sarà stipulato dal notaio contestualmente con il decreto di trasferimento della proprietà. Per la concessione del mutuo esiste una convenzione ABI.

Aste Online: come partecipare con il RAN

Il sistema delle aste online funziona con un notaio definito “banditore” e dei notai “periferici” dislocati sul territorio nazionale. Il sistema utilizzato per la banditura dell’asta è il sistema RAN (Rete Aste Notarili). Per partecipare ci si può recare dal notaio periferico di riferimento per il territorio, che seguirà il cliente in tutto il processo. Nel giorno fissato, difatti, nello stesso studio del notaio il partecipante potrà effettuare rilanci in tutta sicurezza e al riparo dalle truffe. Sarà il notaio stesso che attraverso il RAN trasmetterà la volontà dell’offerente.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube