Business | Articoli

Investire in Russia: una scelta per le PMI?

30 Marzo 2016 | Autore:
Investire in Russia: una scelta per le PMI?

Il sistema Italia traccia la Rotta per il Cremlino, ecco la guida ad investimenti e opportunità di internazionalizzazione per piccoli e medi imprenditori.

 

Continua, con metodo e determinazione, la creazione, da parte degli organismi italiani competenti, di strumenti a supporto delle occasioni di investimento in Russia approfittando della politica di “import substitution” inaugurata dalla Federazione nell’estate del 2015.

Tra febbraio e marzo 2016 il Ministero dello Sviluppo Economico, l’ICE, l’Ambasciata italiana a Mosca, nonché la Regione Lombardia e Confindustria Russia, hanno organizzato iniziative importanti e concrete per contrastare la drastica diminuzione delle esportazioni italiane verso la Russia, avvenuta a seguito delle sanzioni UE comminate alla Federazione per il caso Ukraina, ed al conseguente divieto imposto da Mosca ad importare beni dai Paesi dell’UE.

Nuovi strumenti di cooperazione con la Russia: la guida agli investimenti arriva online

Dopo le iniziative di cui avevamo già parlato precedentemente, ora viene lanciato uno strumento estremamente dinamico, elaborato dagli enti sopra citati, che consiste in una guida online alle occasioni di investimento offerte dal mercato russo nell’ambito della nuova politica di sviluppo della produzione interna per sostituire le importazioni venute a mancare, a seguito della imposizione di divieti contrapposti, nella partita a scacchi fra UE e Federazione Russa.

Tale guida contiene, al momento, 121 progetti che si sviluppano in 15 regioni russe e in diversi settori di mercato, considerati fra i più importanti per gli investitori italiani, cioè quelli che vanno dall’agroalimentare alla farmaceutica.

Quali sono gli obiettivi della guida agli investimenti in Russia

Tuttavia l’obiettivo principale della guida non è solo quello di mostrare i principali progetti di investimento perseguibili dalle imprese italiane, ma anche quello di rendere dinamica ed in costante aggiornamento la situazione di detti progetti e quello, fondamentale, di creare un collegamento diretto fra l’impresa che dovesse trovare interessante il progetto e la disponibilità degli enti italiani e russi, a seguirla nell’operazione.

Infatti, a fronte delle manifestazioni di interesse delle imprese italiane, si mettono a disposizione per seguire il percorso guidato, insieme, da parte italiana, l’ICE, il Ministero e l’Ambasciata; da parte russa, le regioni che offrono le opportunità produttive e l’Agenzia Russa per gli investimenti strategici.

La guida sarà molto utile soprattutto per le PMI e per le micro-imprese, infatti servirà anche per conoscere in modo più approfondito le regioni russe che offrono le opportunità di investimento, le tipologie produttive, gli incentivi fiscali e le possibilità di finanziamento, per veicolare quelle strutture aziendali che, sicuramente, sono meno organizzate e meno finanziate rispetto alle medie e grandi imprese.

Quali le altre vie per gli investimenti in Russia: gli accordi regionali

Di particolare interesse anche lo sviluppo di accordi regionali, come quello appena siglato dalla Regione Lombardia con la Siberia, che permetterebbero di far corrispondere al sistema russo, che ha fornito gli strumenti alle regioni locali per attrarre investimenti, il sistema italiano regionale che, se attivo, ha maggiore facilità nel raggiungere le imprese in esso localizzate e maggiore libertà di movimento per stipulare accordi con le corrispondenti amministrazioni locali russe.

In sostanza gli enti pubblici e privati italiani competenti si stanno muovendo in cooperazione con i loro corrispondenti russi cercando di far partire una serie di automatismi che crei un circolo virtuoso nel reciproco interesse dei due Paesi, allo scopo di trovare soluzioni alla attuale situazione di blocco degli scambi commerciali creata dalla contrapposizione UE – Russia.

Quali le motivazioni e quali le prospettive dei nuovi strumenti: la contrapposizione fra UE e Federazione Russa

Gli sforzi rilevanti che gli enti nazionali e regionali stanno perseguendo sono anche sollecitati dalla necessità di riconquistare gli spazi perduti dalle nostre esportazioni, che potrebbero essere sottratti al nostro Paese dalla concorrenza tedesca e francese.

Ma questa è un’altra storia che presto racconteremo



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube