Diritto e Fisco | Articoli

Reato rubare monetine a Fontana di Trevi?

18 marzo 2012 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 18 marzo 2012



Non è reato rubare le monetine gettate dai turisti nelle fontane pubbliche, fatta eccezione per quelle nella Fontana di Trevi.

Una sentenza della Cassazione del 1994 ha stabilito che rubare monetine da una fontana pubblica (nella fattispecie, da Fontana di Trevi) non costituisce reato. Le monete, difatti, una volta gettate nell’acqua si devono considerare res nullius, ossia beni non appartenenti a nessuno perché abbandonati intenzionalmente dai legittimi proprietari. Il turista che, infatti, getta gli spiccioli nella fontana lo fa con la consapevolezza di disfarsene. Si tratta dello stesso atteggiamento di chi butta un chiodo nella spazzatura, il quale non potrebbe dolersi del fatto che poi qualcuno se ne appropri. Prendere un bene che non appartiene più a nessuno non costituisce certo reato.

Per evitare così la razzia delle fontane romane, e in particolare quelle della storica piazza capitolina, è intervenuta la Giunta della Capitale che, con una delibera di circa un anno fa, ha manifestato la volontà dell’amministrazione di essere l’esclusivo e legittimo destinatario delle monete lanciate nell’invaso della fontana di Trevi. Nel testo si precisa che spetterà al Comune l’affidamento dell’attività di ritiro delle monete rinvenute nella fontana e il loro conferimento gratuito alla Caritas diocesana di Roma.

Oggi dunque i vigili non hanno più le mani legate e possono arrestare in flagrante chi si appropri del “bene” demaniale. Nello stesso tempo, tutti coloro che hanno affidato i propri sogni d’amore alla fontana più famosa del mondo potranno continuare a sperare che la sua “magia” non venga infranta dal ladruncolo di turno.

Restano però scoperte dalla delibera le altre fontane d’Italia per le quali continua a valere la sentenza della Cassazione…

 


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

2 Commenti

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI