Tech | News

Debutta Facebook at Work e LinkedIn trema!

16 Gennaio 2015 | Autore:
Debutta Facebook at Work e LinkedIn trema!

Il social network fa debuttare il suo nuovo servizio dedicato al mondo del lavoro e disponibile anche come app per iOS e Android.

Per anni LinkedIn è stato il social network di riferimento per i professionisti, ma la sua leadership potrebbe presto essere messa in discussione da Facebook che ha fatto debuttare Facebook at Work, una piattaforma dedicata proprio al mondo del lavoro.

Dopo essere stato annunciato nel mese di novembre, si dice che almeno 8000 persone hanno potuto già provare Facebook at Work attraverso il programma pilota. Il gigante dei social network vuole ora affrontare una nuova sfida in ambito aziendale offrendo uno strumento per migliorare la collaborazione e la diffusione delle informazioni tra i dipendenti di un’azienda.

Di fatti, quindi, è un po’ diverso da LinkedIn che è una piattaforma molto più aperta e incentrata di più sull’offerta e la ricerca di lavoro. Facebook at Work, invece, è uno strumento che fornisce ai dipendenti la possibilità di connettersi e collaborare in modo efficace utilizzando gli strumenti di Facebook con i quali hanno già preso dimestichezza come Notizie, Gruppi, Messaggi ed Eventi.

Per utilizzare Facebook at Work l’azienda deve creare un account di lavoro richiedendolo qui. Una volta creato, potrà attivarlo recandosi all’indirizzo [NomeAzienda].facebook.com. Una volta che il tutto è stato configurato, si potrà accedere a Facebook at Work utilizzando l’applicazione scaricabile da Google Play per Android e dall’App Store per i dispositivi iOS.

L’account aziendale sarà visibile solo ai dipendenti della stessa azienda, così come i messaggi e le altre cose che verranno condivise. Si tratterà, quindi, di un sistema limitato all’ambito lavorativo e non aperto agli altri. In futuro Facebook potrebbe realizzare progetti simili in altri campi, come università, associazioni e altro ancora.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube