HOME Articoli

Editoriali Telecamere di Google: se in un museo o in luogo turistico aperto vieni ripreso

Editoriali Pubblicato il 18 gennaio 2015

Articolo di




> Editoriali Pubblicato il 18 gennaio 2015

Google Special Collection e le informazioni sulla privacy dei turisti colti dall’occhio dei trekker.

Se ami visitare musei o altri luoghi di interesse turistico, ma anche spazi aperti come spiagge, discese di neve, boschi, laghi e tutto ciò che possa rappresentare un interesse per turisti, passanti o visitatori, sappi che potresti cadere nell’occhio delle telecamere di Google. Difatti, il nuovo servizio “Google Special Collectors” mira a fotografare e rappresentare sul computer di chiunque voglia collegarvisi, in una perfetta sintesi di 3D e strumenti interattivi per l’utente, i luoghi emblematici del mondo non raggiungibili dalle tradizionali vetture di Google Street View.

In questo modo l’utente può esplorare e scoprire, comodamente da casa, meraviglie naturali, passeggiare in musei, stadi, ristoranti e negozi con le immagini a 360 gradi di Street View su Google Maps.

(Finlandia, Aurora Boreale – clicca per ingrandire)

Telecamere di Google se in un museo o in luogo turistico aperto vieni ripreso - Finlandia aurora boreale

Per realizzare questa enciclopedica opera geografica, gli incaricati del motore di ricerca, cosiddetti trekker, si aggirano, a piedi, in ogni angolo del globo, con apparecchiature fotografiche e telecamere installate sugli zaini o su mezzi alternativi come imbarcazioni o treni.

(Arizona (USA) – Grand Canyon – clicca per ingrandire)

Grand Canyon

Rischio privacy? Certo. E il Garante ha già intravisto il pericolo. Tant’è che, qualche mese fa, ha invitato Google a informare i cittadini, e quanti si trovano nei luoghi periodicamente frequentati dai “trekker”, del fatto che sono in atto riprese e fotografie sul posto, per la successiva pubblicazione su Google Special Collectors. Notizie dettagliate dovranno essere diffuse preventivamente anche su internet e nei luoghi di interesse. Non solo. I “trekker” non potranno essere “anonimi”, ma riconoscibili da chiunque, eventualmente indossando apposite divise o presentando i segni distintivi della società americana sugli abiti.

(India – clicca per ingrandire)

India - Telecamere di Google se in un museo o in luogo turistico aperto vieni ripreso

Dal canto suo Google ha rassicurato la nostra Authority del fatto che le riprese verranno eseguite possibilmente quando i musei saranno chiusi al pubblico o, per quanto riguarda i luoghi all’aperto, negli orari in cui sono meno frequentati. Inoltre, eventuali volti verranno immediatamente sgranati. Rassicurazioni che, a quanto sembra da una nostra veloce indagine su Google Special Collectors, non sono state rispettate. Gli interni dei musei sono raffigurati con gente al suo interno e, inoltre, molti volti nelle piazze, sono perfettamente riconoscibili. Noi evitiamo – per non incadere nello stesso errore – di farveli vedere, ma dalle foto qui sotto potete farvi un’idea voi stessi di ciò che sta succedendo…

Londra – British Museum

British museum - Telecamere di Google se in un museo o in luogo turistico aperto vieni ripreso

Roma – Piazza S. Pietro

Schermata 2015-01-16 alle 11.29.40

Parigi – Louvre

Louvre

Parigi – Bar del centro (è possibile, ingrandendo l’immagine, vedere le coppie all’interno)

Parigi

Parigi – Louvre

Louvre

note

Autore immagine: digitalic.it


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI