Business | Articoli

Guida all’impresa: come costituire una SRL

31 Marzo 2016
Guida all’impresa: come costituire una SRL

Definizione, procedimento, gestione, costi e vantaggi dell’apertura di una SRL nelle nostre guide “per i non addetti” all’avviamento dell’impresa.

Costituire una SRL non è particolarmente complicato ed è spesso la scelta di chi vuole iniziare una nuova attività, perché offre innegabili vantaggi da un punto di vista delle responsabilità, e della gestione rispetto ad altre forme societarie. È necessario fare tuttavia attenzione ad alcuni dettagli e conoscere la normativa di settore. In questa guida “per i non addetti” cerchiamo di darvi qualche informazione essenziale, senza cadere in tecnicismi e offrendovi la possibilità di capire se questa forma di società è quella più adatta per la vostra impresa, stimando i costi iniziali e valutando tutti i passaggi operativi necessari.

Nella sezione “in pratica” in fondo all’articolo troverete un briefing relativo ai costi di costituzione della SRL.

Cos’è una SRL

Una SRL è una Società a Responsabilità Limitata, ovvero una società per la cui responsabilità i soci rispondono solo nella misura massima del capitale sociale e in particolare ciascuno per la responsabilità specifica del proprio conferimento.

Nella pratica, ad esempio, ciò vuol dire che nel caso in cui la società dovesse essere coinvolta in un procedimento di recupero crediti, i creditori potranno rivalersi solo sul patrimonio dell’azienda e non sul patrimonio personale come invece succede per le società di persone come la SAS.

Come costituire una SRL

Regolamentato dal Codice Civile [1] il processo costitutivo della SRL consta di alcune fasi.

Un primo passaggio per la costituzione è la definizione di un contratto di società nel caso in cui si tratti di una SRL di due o più persone, o da un atto unilaterale nel caso di SRL unipersonale. In ogni caso è necessario che un notaio controlli la sussistenza dei requisiti formali e sostanziali dell’atto costitutivo e rediga l’atto pubblico, procedendo alla relativa registrazione.

Costituzione della SRL per atto pubblico

La costituzione della SRL come detto avviene per atto pubblico. I soci devono essere tutti presenti al momento della costituzione, con un documento di identità valido, il proprio codice fiscale o la propria tessera sanitaria. E’ consigliabile che i documenti siano in originale.

Gli amministratori, anche se non sono soci, devono essere comunque presenti dal notaio per accettare pubblicamente la carica.

Capitale sociale delle SRL

Il Capitale sociale minimo per la costituzione è di 10mila euro, mentre non esiste un limite massimo. I casi di Srl con 1 euro sono specifici e riguardano la SRLS ovvero la SRL Semplificata, che tratteremo in una prossima guida. Il capitale in ogni caso – a differenza di quanto accade per le SRLS – non è necessario che sia necessariamente interamente versato all’atto di costituzione: sebbene esso debba essere interamentesottoscritto” ovvero i soci debbano impegnarsi al versamento del capitale nei modi e nei tempi previsti, al momento della costituzione esso deve essere versato per un 25% di quanto pattuito, dunque nel caso di un capitale di 10mila euro il conferimento minimo in denaro da versare è di 2.500 euro. Tenete presente che spesso questi costi equivalgono ai costi di costituzione per le spese notarili e di registrazione.

Nel caso di SRL unipersonale il capitale va versato per intero.

Quote di partecipazione nella SRL

Le quote di partecipazione devono essere definite nell’atto costitutivo, generalmente sono proporzionali ai conferimenti di ciascun socio al capitale sociale.

Registrazione della SRL presso la Camera di Commercio

La SRL deve essere registrata presso la CCIA competente per territorio. A fronte di tale registrazione l’azienda otterrà un codice fiscale e una partita IVA. Generalmente è il notaio ad effettuare la registrazione entro i 30 giorni successivi alla costituzione dell’atto. Con la Comunicazione Unica si dà ufficialmente avvio all’attività di impresa.

Al fine di permettere la registrazione l’azienda deve dotarsi di una PEC. Esistono dei servizi che permettono la creazione della PEC anche senza la P. IVA, dunque per le imprese “costituende”.

Tassa di vidimazione dei libri sociali per le SRL

Le SRL devono vidimare i libri sociali ogni anno presso la camera di commercio. Il pagamento di tale tassa, dell’ammontare di 309,87 euro viene effettuato all’atto di costituzione.

Regime fiscale delle SRL

Il regime fiscale delle SRL prevede il versamento dell’IRES nella misura del 27,5% sull’utile di impresa, inoltre dovrà essere versato l’IRAP sul valore della produzione netta. E’ possibile in alcuni casi (per imprese che rientrino negli studi di settore e partecipate solo da persone fisiche per un numero non superiore a 10 o da società di capitali con requisiti specifici che qui tuttavia non abbiamo modo di approfondire) l’opzione per il regime di “Tassazione per trasparenza”, ovvero un regime fiscale per il quale l’utile di impresa viene imputato ai soci (questo a prescindere dall’effettiva percezione di quell’utile), in proporzione alla loro quota sociale rispettiva.

Contributi previdenziali a carico dei soci della SRL

La legge prevede dei contributi previdenziali per i Soci della SRL, quando tali soci svolgono per la società una funzione specifica. Nella maggior parte dei casi i soci sono coloro i quali svolgono per conto della società le funzioni gestionali. In questo caso essi dovranno iscriversi alla gestione artigiani e commercianti INPS e la società dovrà versare per ciascuno di essi 4 contributi (con cadenza trimestrali) di 900 euro circa. Se l’amministratore è anche socio dovrà iscriversi oltre che alla gestione artigiani e commercianti appena citata anche alla gestione separata INPS (nel caso in cui egli invece non sia socio la sola gestione separata è sufficiente).

Diritto di recesso di un socio di una SRL

Il diritto di recesso di un socio può essere esercitato in ogni momento con un preavviso di 180 giorni. Il socio ha diritto in questo caso a ottenere il rimborso della propria partecipazione tenendo conto del valore di mercato del momento di dichiarazione del recesso. In caso di disaccordo tra i soci rispetto al valore di mercato, la determinazione può essere effettuata attraverso una perizia di un esperto nominato dal tribunale.

Quanto costa aprire una SRL?

01 | Costi notarili tra gli €. 800 e i €. 1.500.

02 | Imposta di registro, versata a cura del notaio, pari a €. 200;

03 | Diritti e bolli – per circa €. 250;

04 | Tassa Vidimazione libri sociali – Pari a €. 309,87 annuali

05 | Marche da bollo sui libri sociali – Marca da bollo da €. 16 per ogni 100 facciate, più un diritto fisso da versare in Camera di Commercio;

06 | Inizio attività – costi di iscrizione (generalmente non superiori a 100-150 euro da conferire al commercialista), cui vanno aggiunti dopo il primo anno di gestione i diritti annuali CCIAA per circa €. 200 annui; la tassa vidimazione libri sociali – Pari a €. 309,87; il deposito del bilancio, pari a circa €. 130 cui va aggiunta la spesa di consulenza commerciale.

note

[1] Artt. 2462-2483 del libro V capo VII cod. civ.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA