Diritto e Fisco | Articoli

Farmaco al paziente allergico: responsabilità di medico e capo sala

18 gennaio 2015


Farmaco al paziente allergico: responsabilità di medico e capo sala

> Diritto e Fisco Pubblicato il 18 gennaio 2015



Omicidio colposo: carcere all’infermiere per la somministrazione di un farmaco prescritto dal medico da cui ne sia derivata la morte.

 

Se il medico prescrive un farmaco a cui, però, il paziente è allergico, di tutte le conseguenze a quest’ultimo procurate risponde non solo il sanitario stesso, ma anche il caposala che ha somministrato materialmente la medicina.

L’infermiere, infatti, non può erogare farmaci e cure agli ammalati in modo meccanicistico e acritico, ma deve sempre collaborare con i medici del reparto, richiamando l’attenzione su eventuali errori percepiti o percepibili. E ciò a maggior ragione se egli è presente al momento dell’intervista con il paziente, prima del ricovero, quanto questi rende note eventuali intolleranze.

Del resto, la cartella clinica e la scheda di terapia del paziente è sempre visibile a tutto lo staff medico e il caposala ha il dovere di effettuare un ulteriore controllo prudenziale.

Lo ha deciso la Cassazione in una recente sentenza.

Nel caso di specie, la Corte ha deciso il caso di un medico ospedaliero che aveva prescritto un antibiotico ad un paziente ricoverato in vista dell’intervento, benché allergico allo stesso. L’uomo era morto nel giro di un paio d’ore. Dell’omicidio colposo, però, è stato chiamato a risponderne anche il caposala perché presente all’intervista con il paziente, quando quest’ultimo aveva manifestato la sua intolleranza all’amoxicillina.

Non c’è dubbio che anche in capo all’infermiere “caposala” sussista una specifica posizione di garanzia rispetto all’incolumità del paziente, tenuto conto della particolare qualifica professionale di vertice rivestita da questi, che in quanto caposala è onerato di precisi doveri sinergici di organizzazione, di gestione, di sovraintendimento e di segnalazione.

note

[1] Cass. sent. n. 2192/15 del 16.01.2015.

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

4 Commenti

  1. Scusate cosa centra il caposala?

    1) I farmaci li somministra l’infermiere.

    2) Il caposala di norma non somministra farmaci in quanto ha funzioni di
    coordinamento. Perciò si occupa di altro.

    3) Il caposala non è presente H24 in reparto.

    Che l’infermiere sia RESPONSABILE di ciò che compie non mi sembra così straordinario e nella fattispecie sapendo che esisteva un’allergia al farmaco
    lo stesso si sarebbe dovuto rifiutare di somministrarlo, essendo ciò nelle
    sue prerogative.

  2. Credo che per somministrazione materiale si intenda approvvigionamento del farmaco che essendo oggigiorno richieste personalizzate e quindi riportano il nome del paziente, il caposala è responsabile di non aver effettuato un ulteriore controllo per un eventuale allergia. Anche se a mio modesto parere colui che effettua in pratica la somministrazione del farmaco dovrebbe aggiungere un altra G alle cinque e cioè GIUSTO CONTROLLO PER EVENTUALI ALLERGIE

  3. La caposala è responsabile della richiesta e di non aver evidenziato l’allergia se,come si legge, era presente alla visita medica al paziente. Ma l’infermiere dove era? e perché ci sono ancora queste usanze, ovvero che la caposala va in visita e non l’infermiere???

  4. è ovvio, che il responsabile della somministrazione e quindi della sorveglianza
    preventiva e informativa nonche’ di conoscenza di tutto cio’ che riguarda le problematiche raccolte sull’anamnesi infermieristica e non solo, riguarda molto da vicino , l’infermiere professionale che dovrebbe sapere a memoria le proprie competenze in materia di responsabilità penale che lo riguardano

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI