Diritto e Fisco | Articoli

Ultrà: no ai bengala anche lontano dallo stadio

18 gennaio 2015


Ultrà: no ai bengala anche lontano dallo stadio

> Diritto e Fisco Pubblicato il 18 gennaio 2015



Banditi fumogeni e bombe di carta.

L’ultrà non può portare con sé, quando va allo stadio, fumogeni e bombe carta. Secondo, infatti, una sentenza della Cassazione di questi giorni [1], il possesso di “fuochi artificiali e oggetti analoghi” è vietato non solo nelle vicinanze dello stadio ma anche nelle trasferte.

Nel caso di specie sono stati condannati penalmente cinque tifosi trovati con materiale proibito nel pullman a ben otto chilometri dallo stadio di calcio.

Il possesso ingiustificato di fumogeni in occasione di manifestazioni sportive integra un reato punito con una legge del 1989 [2].

Ricordiamo che, in ambito di violenze fuori dallo stadio, sempre la Suprema Corte ha avuto modo, in passato [3], di precisare che In materia di reato di devastazione, ai fini della sussistenza della responsabilità a titolo di concorso non è necessario che chi agisce compia materialmente un atto di danneggiamento, ma è sufficiente che partecipi consapevolmente ai disordini diffusi.

Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza 8 ottobre 2014 – 16 gennaio 2015, n. 1988
Presidente Teresi – Relatore Andronio

Ritenuto in fatto

1. – Con sentenza del 18 febbraio 2013, il Tribunale di Vicenza ha assolto gli imputati, con la formula “perché il fatto non costituisce reato”, in relazione alla violazione di cui all’art. 6-ter della legge numero 401 del 1989, loro contestata perché, in occasione di un incontro di calcio, durante un controllo da parte della polizia sulle vie di accesso all’impianto sportivo e, in particolare, sull’autostrada (…) all’uscita del casello di (omissis) , erano trovati in possesso di artifici pirotecnici e bombe carta, analiticamente elencati nell’imputazione.
2. – Avverso la sentenza ha proposto ricorso per cassazione il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Vicenza, evidenziando l’erronea applicazione della disposizione incriminatrice, sul rilievo che la sentenza di proscioglimento era stata pronunciata tenendo conto del fatto che il possesso dei fuochi artificiali e delle bombe carta era stato accertato sull’autostrada a distanza di circa 8 km dallo stadio e, dunque, non nelle immediate adiacenze della manifestazione sportiva. Non si sarebbe tenuto conto del fatto che la disposizione (in combinato con il successivo art. 8-ter) sanziona anche i fatti commessi durante i trasferimenti verso i luoghi in cui si svolgono le manifestazioni in questione, anche se non nelle immediate adiacenze.

Considerato in diritto

3. – Il ricorso è fondato.
L’articolo 6-ter della legge n 401 del 1989 prevede che, “Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque, nei luoghi in cui si svolgono manifestazioni sportive, ovvero in quelli interessati alla sosta, al transito, o al trasporto di coloro che partecipano o assistono alle manifestazioni medesime o, comunque, nelle immediate adiacenze di essi, nelle ventiquattro ore precedenti o successive allo svolgimento della manifestazione sportiva, e a condizione che i fatti avvengano in relazione alla manifestazione sportiva stessa, è trovato in possesso di razzi, bengala, fuochi artificiali, petardi, strumenti per l’emissione di fumo o di gas visibile, ovvero di bastoni, mazze, materiale imbrattante o inquinante, oggetti contundenti, o, comunque, atti ad offendere, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da 1.000 a 5.000 Euro”.
Il successivo art. 8-ter specifica che “Le norme della presente legge”, ivi compreso l’art. 6-ter, si applicano anche ai fatti commessi in occasione o a causa di manifestazioni sportive durante i trasferimenti da o verso i luoghi in cui si svolgono dette manifestazioni.
Dal combinato disposto dei due articoli, si evince – per quanto rileva nel caso in esame – che il possesso di fuochi artificiali o oggetti analoghi è vietato, non solo nelle immediate adiacenze dei luoghi in cui si svolgono le manifestazioni sportive o in quelli interessati alla sosta, al transito, o al trasporto di coloro che partecipano o assistono alle manifestazioni stesse, ma anche durante i trasferimenti da e verso detti luoghi e, dunque, per tutto il tragitto necessario.
Nel caso in esame, gli imputati erano stati trovati sul pullman con il quale stavano andando ad assistere a un incontro di calcio e, cioè, nel tragitto verso lo stadio, in possesso di vari artifici pirotecnici, con la conseguenza che il loro comportamento rientra pienamente nella fattispecie incriminatrice di cui all’art. 6-ter richiamato.
4. – La sentenza deve essere, dunque, annullata, con rinvio alla Corte d’appello di Venezia perché proceda a nuovo giudizio sul punto, tenendo conto del principio di diritto appena enunciato.

P.Q.M.

Annulla la sentenza impugnata, con rinvio alla Corte d’appello di Venezia.

note

[1] Cass. sent. n. 1988/2015.

[2] Reato contravvenzionale di cui all’art. 6 ter l. 13 dicembre 1989 n. 401.

[3] Cass. sent. n. 3759/13.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI