Business | Articoli

Bonus Mobili: cambiano le regole per pagamenti e requisiti

2 Aprile 2016
Bonus Mobili: cambiano le regole per pagamenti e requisiti

Semplificazioni per i pagamenti, ammissione dei single in procinto di sposarsi, acquisto dell’immobile anche prima del 2015 e da parte di un solo coniuge.

Il bonus mobili 2016 è l’agevolazione che permette alle giovani coppie di avere importanti sgravi per l’acquisto degli arredi della loro prima casa. Vediamo come funziona e come sono cambiate le regole per il pagamento.

Bonus Mobili 2016: come funziona

Il bonus mobili che consiste nella detrazione del 50% delle spese dall’IRPEF, è destinato alle giovani coppie (almeno uno dei due non deve aver superato i 35 anni di età) acquirenti nel corso del 2016 di un’abitazione da adibire ad abitazione principale. I requisiti devono essere soddisfatti nel 2016, indipendentemente dal giorno in cui essi si realizzano, dunque la sussistenza di tali requisiti – è stato chiarito dall’Agenzia delle Entrate – può essere anteriore o successiva alla data di acquisto, ovvero di pagamento dei mobili interessati.

L’Agenzia nella sua ultima circolare [1] chiarisce inoltre che un single con 35 anni di età può avvalersi della detrazione IRPEF del 50% se entro il 31 dicembre si sposa e acquista un’unità immobiliare che potrà diventare abitazione principale della coppia entro il 2 ottobre 2017 (solo perché il 30 settembre che sarebbe la scadenza naturale del termine cadrà nel 2017 di sabato, dunque in quella data i rogiti non saranno possibili).

Bonus Mobili: ammessi i pagamenti con carta

I pagamenti con carta di credito – finalmente – rientrano tra i possibili mezzi di pagamento per usufruire delle agevolazioni. Sino al chiarimento dello scorso 31 marzo l’unico metodo accettato era il cosiddetto “bonifico parlante” ovvero un bonifico che permettesse l’immediata rintracciabilità della causale di spesa.

La semplificazione è stata estesa anche ai bonus mobili ed elettrodomestici per tutti i contribuenti. Restano invece non ammissibili i pagamenti tramite assegno, contanti o altre modalità di pagamento.

Chi sono le giovani coppie ai fini del bonus mobili

Si devono considerare giovani coppie, dunque ammissibili al bonus mobili:

  • coppie conviventi in un nucleo familiare da almeno tre anni, con convivenza risultante nel 2016 dallo stesso stato di famiglia o da un’autocertificazione [2].
  • un nucleo familiare composto da coniugi da meno di 3 anni, sposati anche prima del 2016, ma risultanti coniugati al 2016 (ma l’atto di matrimonio piò avvenire prima o dopo la data di acquisto, questo è irrilevante).

Dei componenti della coppia uno deve avere meno di 35 anni di età. L’agenzia chiarisce che il requisito si intende rispettato per tutti coloro che compiono i 35 anni nel corso dell’intero anno 2016.

La coppia inoltre deve acquistare l’abitazione da adibire ad abitazione principale entro il 2016 (ed eventualmente anche nel 2015, secondo l’Agenzia delle Entrate).

L’acquisto dell’immobile può anche essere acquistato da uno solo dei due conviventi more uxorio (il primo dei due casi citati in precedenza) ma solo nel caso in cui egli sia al contempo il componente della coppia al di sotto dei 35 anni.


note

[1] Circolare del 31 marzo 2016 n. 7/E, par. 2.1.

[2] Autocertificazione ai sensi dell’art. 45 445/2000.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube