Tech | News

Facebook pronta a lanciare la trascrizione vocale per il Messenger

19 Gennaio 2015 | Autore:
Facebook pronta a lanciare la trascrizione vocale per il Messenger

Presto sarà possibile scrivere un messaggio attraverso il Messenger semplicemente dettandolo a voce.

In molti contesti potrebbe non essere semplice scrivere un messaggio. Se si è alla guida, ad esempio, potrebbe essere fonte di distrazione e causare incidenti. Sui nuovi dispositivi indossabili come gli smartwatch, invece, le difficoltà arrivano dal piccolo display che poco si presta alla digitazione.

Ecco perché molte aziende hanno sviluppato sistemi di trascrizione vocale come Google, Apple e altre ancora. Questi sistemi sono in grado di riconoscere il parlato e trascriverlo evitando il fastidio di dover ricorrere alla tastiera virtuale. Il grado di precisione è impressionante e difficilmente si devono apportare correzioni se ci si trova in un ambiente senza rumori. Altre app, invece, permettono di inviare clip vocali, ma non sempre si tratta di una soluzione pratica perché a volte potrebbe non essere facile ascoltarle.

Tra queste app c’è anche il Messenger, l’applicazione di messaggistica di Facebook. David Marcus, responsabile dell’app, ha fatto sapere attraverso un post sul social network che è stato avviato un test per introdurre la trascrizione vocale per renderlo più utile.

In sostanza attraverso questa features sarà possibile leggere le clip vocali senza doverle ascoltare, utile ad esempio se ci si trova ad una riunione o a un concerto. Per ora questa funzione è disponibile solo ad un numero ristretto di utenti che provandola, possono fornire il loro feedback agli sviluppatori. Facebook potrà, quindi, sfruttare la loro esperienza per migliorare la funzione di trascrizione vocale per poi allargarla a tutti.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube