Diritto e Fisco | Articoli

Bancomat: prelievo non autorizzato e rimborso delle somme al cliente

22 Gennaio 2015
Bancomat: prelievo non autorizzato e rimborso delle somme al cliente

Se il conto corrente viene prosciugato, la banca ha l’obbligo di segnalare e interrompere tutte le sospette movimentazioni: diversamente scatta il risarcimento del danno.

Sicuramente ti sarai già chiesto quali sono i tuoi diritti nel caso in cui qualche criminale riesca ad utilizzare il bancomat entrando “fatalmente” nel tuo conto corrente e prosciugandolo. Le tecniche dei malviventi sono ormai estremamente raffinate e non bisogna essere necessariamente dei “distrattoni” per subire una truffa. Sportelli finti che captano i codici di accesso, strumenti informatici in grado di sottrarre le password: i sistemi con cui le somme depositate sul conto vengono trafugate sono ormai numerosi. E, in questo, anche la banca deve fare la sua, in quanto ha una posizione di garanzia e di controllo dei conti correnti dei propri clienti.

Una recente decisione dell’ABF (Arbitro Bancario Finanziario) di Roma spezza una lancia in favore dei clienti.

In presenza – si legge nel provvedimento – di una insolita frequenza nel prelevamento e pagamento col bancomat rispetto alla consueta movimentazione del conto fatta dal suo legittimo titolare, la banca ha l’obbligo di attivarsi e controllare che tutto sia in regola o che non vi sia, piuttosto, un accesso non autorizzato. Se non provvede immediatamente, l’istituto di credito è responsabile per colpa della sua inerzia e quindi deve provvedere al rimborso delle somme trafugate dal conto. La banca, infatti, deve attivare adeguati presidi di sicurezza in presenza di operazioni anomale e sospette chiaramente identificabili.

La vicenda

La controversia ha ad oggetto l’utilizzo fraudolento di una carta bancomat presumibilmente rubata. Gli utilizzi si erano susseguiti in tempi ravvicinati e in maniera anomala nel corso di tre giorni.

La sentenza

Secondo gli arbitri bancari, bisogna considerare i casi in cui le operazioni fraudolente si susseguano con una insolita frequenza rispetto alla consueta movimentazione del conto, proprio perché a brevissima distanza l’una dall’altra: esse sono emblematiche di un rischio frode.

L’unica cosa che la banca può fare per evitare la condanna al risarcimento è dimostrare una colpa grave a carico del cliente nella conservazione dei propri codici di accesso o della carta bancomat.


note

[1] ABF Roma decisione del 24.10.2014 – Pres. De Carolis – Est. Liliana Rossi Carleo.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube