Diritto e Fisco | Articoli

Inps: contributo di 1200 euro a chi assiste un familiare

25 Gennaio 2015
Inps: contributo di 1200 euro a chi assiste un familiare

Bonus mensile: pubblicato il bando per Home care premium. Non sono previsti limiti di reddito per presentare l’istanza.

Se hai un familiare anziano non autosufficiente, che ha bisogno della tua assistenza, o un parente portatore di handicap, possiedi i requisiti per chiedere all’Inps il nuovo generosissimo contributo di 1.200 euro al mese.

Si chiama Home care premium e, in verità, è un vero e proprio premio, con tanto di bando di concorso pubblicato dall’Istituto Nazionale di Previdenza, che viene erogato a chi si prende cura, assiste e supporta a domicilio un familiare in stato di difficoltà, ed è indirizzato ai dipendenti e pensionati pubblici, utenti dell’INPS che gestisce i Dipendenti Pubblici per effetto del Decreto Ministeriale numero 45/078, e qualora i soggetti in questione siano ancora in vita, i coniugi che convivono e congiunti di primo grado. Possono richiedere il bonus anche i minori disabili figli di dipendenti pubblici o pensionati deceduti.

A differenza di tanti altri bandi simili, questo non prevede alcun requisito di reddito: pertanto l’istanza potrà essere presentata da chiunque, sebbene ad essa andrà comunque allegato il modello ISEE. All’atto dell’aggiudicazione del bonus, l’Inps si riserva la possibilità di scegliere la misura del contributo tra un minimo di 400 euro al mese e un massimo di 1.200.

Il contributi, che al momento è previsto solo in via sperimentale, potrà essere richiesto fino a novembre 2015.

Per richiedere il bonus ma anche i servizi socioassistenziali si deve presentare una istanza nel mese di maggio del 2015, presentando gli appositi modelli a mano oppure online.

Domanda e bando si scaricano sul sito dell’Inps, alle voce “Home care premium”. Come già detto, è necessaria anche la presentazione del modello ISEE. La persona non autosufficiente (disabile o anziano) deve fare richiesta di iscrizione quale componente familiare all’interno della banca dati del dipendente pubblico o del pensionato INPDAP.

Per scaricare una guida illustrativa sul bonus, messa a disposizione da “laleggepertutti”, clicca qui “Home care premium”.

Maggiori approfondimenti qui: “Home care premium: avviso dell’Inps per l’assegno a chi accudisce familiari non autosufficienti

note

Autore immagine: 123rf com


75 Commenti

  1. Buon giorno mi chiedo perché questo bonus deve essere data solo ai dipendenti pubblici e non anche a quelli privati che cazzo di discorsi sono o tutti o nessuno va fanculo

  2. La solita elargizione economica che, quantunque giusta come finalità, non è per niente decisa con criteri equi e, soprattutto, rappresenta un esborso molto costoso da parte dello stato che, invece, potrebbe utilizzare quelle risorse per pagare un assegno di disoccupazione a chi ha perso il lavoro o ai giovani che – non per colpa loro – non riescono ad entrare nel mondo del lavoro.

  3. Solita cazzata dello stato italiano .il quale rappresenta chiaramente la corrente politica attuale vergogna ,mi fate pena,e mi fate vergognare di essere purtroppo italiano

  4. Mi aggrego al commento di Mauro De Camillo. Vuoi vedere che siamo cittadini di serie b. Per lo stato

  5. Ma che stronzi loro già prendono una pensione alta perche non aiutano i pensionati che prendono 480 al mese non 1500 e che fanno la fame e sono costretti a non curarsi o avere chi li aiuta VERGOGNA ITALIA…..,

  6. Vergogna assistenza di 1200 euro a chi ha una pensione da un ente statale…mia nonna ha una pensione misera e puo’ morire…..Si vergognino

  7. questi soldi sono elargiti da fondo dei dipendenti pubblici non dallo stato….noi dipendenti pubblici dalla nostra assunzione fino al giorno della pensione ci tolgono dalla busta paga i soldi x il fondo….chiaro? non ci sono serie a o b….sono soldi nostri!!!

    1. i soldi degli statali non sono soldi “vostri” sono soldi particolari PAGATI DA TUTTI I CITTADINI, CHE VI VENGONO ELARGITI OGNI MESE, ANCHE SE NON FATE IL MASSIMO!…lo statale avrebbe diritto di farlo OGNI CITTADINO italiano a rotazione, per un anno, non dovrebbero esistere statali A VITA! è la cosa più ingiusta che uno stato possa fare!!!

  8. Ai dipendenti pubblici non toccherebbe tutto questo perche nelle loro vita non hanno mai fatto un cazzo. Addirittura possono lavorare anche a contratto parte time perche non servono le loro presenze tutto quel tempo negli uffici

  9. Ancora mafia italia.chi non è un dipendente pubblico ed è un disabile deve essere discriminato?oltre a non fare un cazzo ,,timbrare il cartellino e andare a far la spesa cosa vogliono di più i dipendenti pubblici? E avete il coraggio anche di pubblicare queste notizie.a quanto pare la legge è uguale x tutti,ma alcuni sono più uguali degli altri..mi vergogno sempre più profondamente di essere italiana.

  10. le solite differenze …come che un pensionato non autosufficiente che proviene dal settore privato non abbia pagato abbastanza per averne diritto …ma ora inps e impdap non sono accorpate ..ma ce ancora diversa gestione dei contributi .. inps e impdap ????

  11. se uno e dipendente publico con contratto privatto puo pagare un iscrizione annuale all inpdap per usufruire dei diritti e agevolazioni dei dipendenti publici con contratto publico ..???

  12. Sono contrario anch’io all’esclusione dal beneficio dei lavoratori e pensionati del settore privato, ma debbo osservare che pochi lavoratori pubblici e/o privati hanno gridato allo scandalo, quando tutti i pensionati sono stati eclusi dal bonus di 80 euro, riservato soltanto ai lavoratori.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube