Diritto e Fisco | Articoli

Acquisti online: attenzione a ritirare la merce con riserva

25 Gennaio 2015 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 25 Gennaio 2015



Per gli acquisti effettuati online, i danni subiti dalla merce durante il trasporto possono essere contestati al corriere solo entro otto giorni dalla consegna.

 

Cosa fare se il bene che abbiamo acquistato online e che ci è stato spedito dal venditore sino a casa ci arriva danneggiato?

La prima valutazione da fare in questo caso è quella di stabilire se il danno è stato causato da un difetto di fabbricazione – nel qual caso il venditore dovrà provvedere alla sostituzione o riparazione del bene in garanzia – oppure se il danno è stato causato durante il trasporto dal corriere, cosiddetto vettore.

In quest’ultima ipotesi possono nascere i problemi più complicati se non abbiamo scritto sul documento di trasporto, consegnatoci per la firma dal corriere, la dicitura “con riserva”.

Cosa significa “ritirare con riserva”?

Significa che il destinatario del bene ricevuto tramite il corriere si riserva di verificare l’integrità della merce e che, in caso di danni derivanti dal trasporto, il vettore ne potrà essere tenuto a risponderne.

Il vettore, infatti, per legge [1] è responsabile per i danni arrecati alle cose da trasportare, dal momento in cui le riceve sino al momento della consegna, a meno che non provi che la perdita o i danni sono derivati da:

caso fortuito,

– dalla natura o dai vizi della cosa,

– dal loro imballaggio,

– o da responsabilità del mittente o del destinatario.

Il problema sta nel fatto che il corriere consegna al destinatario, nella maggior parte dei casi, il bene imballato in una scatola chiusa; per cui è difficile, nell’esperienza quotidiana, che il destinatario apra e verifichi alla presenza del corriere l’integrità e la funzionalità del bene. Si pensi per esempio a beni che richiedano un montaggio.

A questo punto torna utile al destinatario ricevere la merce con la cosiddetta clausola di “riserva”.

Infatti, la norma [2] che disciplina il contratto di trasporto di cose stabilisce che il ricevimento senza riserve delle cose trasportate impedisce al destinatario di denunciare al vettore i danni delle cose trasportate, tranne nel caso di dolo o colpa grave del vettore.

Quindi accettare la merce “con riserva” pone il destinatario in una maggiore condizione di sicurezza al riparo da amare sorprese. Comunque, è fatto salvo, in ogni caso, il diritto del destinatario di denunciare successivamente i danni “non riconoscibili” al momento della consegna, quando, per esempio, il pacco che contiene l’oggetto appare esteriormente integro.

Ma attenzione.

Anche nel caso di danni non riconoscibili al momento della consegna, il destinatario deve denunciare al vettore il danno entro otto giorni dal ricevimento, altrimenti perde il diritto ad ottenere il risarcimento dei danni dal vettore.

In alternativa, il destinatario può sempre rifiutare il pacco evidentemente rotto. Tuttavia ciò non equivale a esercitare il cosiddetto diritto di recesso (diritto che consente, entro 14 giorni dalla consegna, di manifestare il proprio ripensamento sull’acquisto, senza doverne motivare le ragioni). Infatti, ai fini del diritto di recesso bisognerà rispettare le formalità previste dalla legge e dal contratto, dandone comunicazione con racc. a.r. o con telegramma (da confermare poi con racc. a.r.) all’indirizzo del venditore indicato nel contratto stesso. Dunque, il solo rifiuto di ricevere la merce dalle mani del vettore non equivale a manifestare il diritto di ripensamento: con la conseguenza che il consumatore resterà obbligato al pagamento del prezzo.

note

[1] Art. 1693 cod. civ.

[2] Art. 1698 cod. civ.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

5 Commenti

  1. Buongiorno,
    firmare con riserva è un diritto o il corriere può, come mi è già successo molte volte, rifiutarsi?
    Grazie

  2. Buongiorno,
    l’accettazione con riserva risulta valida anche se non viene esplicitata la motivazione per cui si richiede? (es. pacco bagnato, strappato, ecc)
    Grazie infinite

  3. ho letto con attenzione quanto sopra riportato, faccio presente che la “Riserva di controllo” semplice non ha nessun valore perché non determina la causa e vuol prevenire solo l’effetto. A tal proposito non è necessariamente imputabile al trasporto, ma potrebbe essere imputabile ad un imballaggio non idoneo, l’ eventuale danno ad esempio, ed è capitato, spedire uno stelo di rosa in vetro di Murano , semplicemente inserendolo in una scatola di cartone, difficilmente arriverà integra. Si potrebbero fare diversi esempi, ma credo che questo basti per dare una idea. La ” riserva di controllo” si ha il diritto di esigerla nel momento in cui l’imballo che stiamo ricevendo presenti dei danni o ammaccature che potrebbero far pensare ad un probabile danno. In questo caso andrebbe specificata la natura della Riserva con ” pacco manomesso o danneggiato accetto con riserva di controllo”.

  4. Salve,
    quest’oggi è passato il corriere BRT, il pacco presentava palesemente 2 tipi di scotch, entrambi con su delle scritte di garanzia “anonime” senza nominativi, ho chiesto di fare una firma di riserva con motivazione di possibile trafugazione, ma il corriere mi ha negato la possibilita’ dicendo che avrei potuto firmare solo una riserva generica, perche per lui la riserva con motivazione andrebbe firmata solo in caso il pacco era palesemente strappato, rotto o aperto…
    come dovrei comportarmi? mi spetta di diritto poter firmare con riserva motivazionale di trafugamento?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI